Il Carnevale storico

Carnevale storico Brusco
PICCOLA STORIA DEL CARNEVALE DI AMANTEA

Le prime notizie del carnevale di Amantea risalgono al 1635 quando, come si legge in un documento d’epoca, il mastrogiurato fu costretto ad intervenire con gli armati per sedare una gigantesca rissa.

Carnevale di Amantea con BruscoNei secoli XVIII e XIX sulla festa in piazza si imposero i balli in maschera che la nobiltà e la borghesia organizzavano nei loro palazzi per distinguersi dalla “forsennata plebaglia”.

Ritornata manifestazione popolare, agli inizi del Novecento, il Carnevale, durante il ventennio fascista, si celebrava in tono minore per ragioni di sicurezza e per la mancanza di libertà di espressione che non consentiva la satira di costume, specie nei confronti dei gerarchi e del clero.

Nel dopoguerra la manifestazione crebbe qualitativamente con la storica sfilata del 1953.

Da allora in poi, per iniziativa di un gruppo di artigiani e studenti, si potenziò la rappresentazione delle farse, dei canti e delle danze popolari, si introdussero nel corteo dei “mascherati” i carri e, negli anni ’70 si migliorò l’apparato scenografico ed artistico.

Si arrivò, così, alla costituzione, come organizzatore unico, del Comitato Carnevale Città di Amantea, intitolato alla memoria di Giuseppe Brusco, un falegname, ingegnoso ideatore e costruttore di carri.

Nata da una cultura marinara e contadina di sussistenza, la settimana grassa amanteana si compendiava, negli ultimi tre giorni (duminica, luni e marti) nel corso dei quali si sospendeva ogni lavoro per dedicarsi ai divertimenti e alle grandi abbuffate. 

Tutti gli scherzi erano leciti e chi non li accettava veniva imbrattato di fuliggine e ridicolizzato dalle maschere.

Inoltre, il Carnevale diveniva spettacolo pubblico mostrando evidenti analogie con la “Commedia dell’arte” e le pasquinate romane per i costumi, le satire a “canovaccio” e i canti salaci.

  Il Re della sfilata, naturalmente era “Carnulevari”, impersonificato da un omone grosso e vorace, accompagnato da “Corajisima”, una donna magra, isterica e contraddittoria, che desiderava la morte del marito come una liberazione, ma che poi ne piangeva con disperazione la morte.

Le più significative maschere, che prendevano in giro i ceti benestanti, le cariche pubbliche e le professioni, raffiguravano “ ’u baruni”, “ ’u miedicu”, “l’avucatu”, “ ’u nutaru”, “ ’u sinnacu”, “ ’u prieviti”.Carnevale di Amantea con Brusco

Fra le maschere popolari, che impersonavano la malizia, l’allegria, la lussuria, l’ipocrisia, l’astuzia, l’ingenuità, la vanagloria, “ ’u coscinuotu”, “ ’a pacchiana”, “ ’u Jaccheru”, “ ’u tavernaru”, “ ’u politicu” e il classico Jugale.

Una particolarità erano i gruppi carnascialeschi che davano una ridicola testimonianza delle classi egemoni (aristocrazia, borghesia) e una descrizione realistica dei ceti subalterni (contadini, pescatori), sottolineandone le differenze socioeconomiche.

Ad aprire e a chiudere il corteo erano “i fratelli”, incappucciati in camici bianchi, ora anonimi Pulcinella, ora paurosi fantasmi.

Tutti questi personaggi erano rappresentati da uomini: le donne apparvero alla ribalta solo dopo la seconda guerra mondiale per la loro tardiva emancipazione, dando maggiore credibilità ai personaggi femminili.

Ma accadeva, ed accade spesso l’inversione dei ruoli, per provare le emozioni del sesso diverso e per rendere più buffa e movimentata la scena.

Prima dell’avvento della motorizzazione, le maschere, divise in gruppi di quartiere, giravano per le vie a piedi o sui carri, trainati da buoi o da muli, e su carrette, spinte a mano; veicoli variopinti ed addobbati alla meglio.

Il martedì grasso fra i rioni si svolgeva lo spettacolo. Alle danze, ai canti con accompagnamento di una stonata fanfara seguivano scenette, strofette, basate sull’abilità mimica e la facile battuta, che mettevano alla berlina i maggiorenti, manifestavano momenti di felicità di fronte alle amarezze della vita, esortavano alla crapula, esprimevano il desiderio di libertà e di benessere, reagivano ai soprusi dei potenti. 

Fra gli autori di queste pungenti satire e parodie si menzionano Francesco Mileti, versatile poeta, e Antonio Gagliardi, abile “capocomico”.

Le cronache del tempo riferiscono che non di rado seguiva una versione della farsa ottocentesca in ottave di Costantino Jaccino da Celico “Lu testamientu di Carnalevaru”, un vero inno alla filosofia epicurea, che Carnaluvari lascia in eredità ai posteri.

Carnevale di Amantea con BruscoOra il testimone è stato raccolto dal commediografo Salvatore Sciandra, autore di un’esilarante commedia “A frittata ’i Carnulevari”, messa in scena dalla locale compagnia del Piccolo Teatro Popolare “il Coviello”.

La festa terminava con il funerale di Carnulevari, scoppiato per aver ingurgitato troppo vino e cibo, nonostante l’assistenza di grotteschi medici.

A mezzanotte, un enorme fantoccio delle stesse fattezze veniva dato alle fiamme fra gli schiamazzi della popolazione.

Così si chiudeva il ciclo della gozzoviglia e si apriva il periodo penitenziale della Quaresima.

 Questa, sotto la forma di una donna pupazzo, velata di nero, e adorna di sette piume di gallo, che anche in molti altri paesi della regione veniva esposta sulle finestre e sui balconi, come segno di espiazione.

Sotto il profilo culinario calabrese, il Carnevale mantiene l’antico rituale della carne di maiale. Ancora si consumano i tipici salumi ed altri prodotti del suino. Ma il piatto più importante è la frittata confezionata con i vermicelli, salciccia, uova e la “resamoglia” (i saporiti residui del grasso cotto del maiale) mentre è d’obbligo il vino rosso.

Se, una volta, durante la settimana grassa i poveri potevano soddisfarsi di cibo e di vivande, raggranellare qualche soldo a spese della comunità, ancora oggi, malgrado l’imperante individualismo, resta cordiale l’accoglienza che le maschere ricevono nelle case.

Nessuno ha mai rifiutato cibo e denaro perché, secondo la credenza, colui che respinge questi ospiti apportatori di gioia e buone nuove, andrà incontro a disgrazie e malanni.

Vincenzo Segreti (riduzione)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente automaticamente all’uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close