Preparati con alici e rosamarina

alici

ambulanteVi proponiamo le ricette di alcuni piatti semplici ma estremamente gustosi.

Tali piatti fanno parte di quella che, molto spesso, veniva chiamata la “cucina povera del sud” e risalgono a quei tempi antichi in cui la carne era un “cibo da ricchi” e faceva la sua comparsa sulla tavola della gente comune solo una volta a settimana (e non sempre).

I piatti proposti, infatti, hanno come componenti principali due prodotti tipici della nostra terra e, più in particolare, del nostro mare: “alici salate” e “rosamarina”.

(La stesura in vernacolo amanteano delle ricette è a cura di Antonio Furgiuele)

(Vernacolo amanteano)

(Traduzione italiano)

Spachetti ccu lla rosamarina

rosamarina

Chillu ca cci vò ppe quattru persuni:

Uogliu d’alivi calavrisu d’ ’a pinnata (parienti a dua cucchiari); nu mienzu spicchiu d’agliu; dua cucchiari ’i rosamarina; mienzu chilu ’i pasta; na rama ’i petrusinu tritatu; salu (a piacìri); pipu.

Cumu si pripare:

Ntramenti c’ ’a pasta sta ppe finìri ’i cociri, dintra na frissura granna facìti sprijìri a parta l’agliu tritatu e quannu vidìti ch’è ndoratu, mmis-scatici ’a rosamarina.

Facìti suffrijiri chjanu, chjanu, tuttu quantu ppe dua minuti e sulu tannu jettàtici ’a pasta appena sculata.

Agghiungìtici, allura, na pizzicata ’i pipu, ’u petrusinu tritatu e conzàtila ccu nnu filu d’uogliu.

Spaghetti alla rosamarina

spag-ros

Ingredienti per 4 persone:

Olio extravergine di Calabria (2 cucchiai circa), mezzo spicchio d’aglio, due cucchiai di rosamarina; 500 g. di pasta; un ciuffo di prezzemolo tritato; sale (facoltativo); pepe.

Preparazione:

Quando la pasta è a fine cottura, in una grossa padella far rosolare a parte l’aglio tritato finemente e quando s’imbiondisce aggiungere la rosamarina.

Far soffriggere per due minuti e quindi versarvi la pasta appena scolata.

Aggiungere, quindi, una spruzzatina di pepe, il prezzemolo tritato e condire con un filo d’olio.

Monacelle ccu ll’alici d’ ’a Mantìa

alicidamantia
Chillu ca cci vò:

Nu mienzu litru d’acqua; nu dadiciellu ’i lievitu ’i birra; na pizzicata ’i salu, farina quantu si nni piglie; alici senz’ ’a scarda, uogliu d’alivi.

Cumu si pripare:

Mintìti nu cucchiaru chjinu ’i salu dintra nu mienzu litru d’acqua appena quadiata – cumu acqua ’i sulu -, scioglitici nu dadiciellu ’i lievitu ’i birra e agghiungitici farina ppe quantu si nni piglie, finu ad avìri nu mpastu ca lighe.

Maniatilu ppe tantu tiempu, girànnulu dintra na gàvata ccu nna manu e facìtilu allevitari ppe nnu paru d’uri.

Quannu, for’affascinu, è dujjhatu, ccu lli mani nzivati d’uogliu faciti ’i pallarelli ’i pasta e nzaccàtici dintra l’alici senz’ ’a scarda.

Frijìtili dintra nu maru d’uogliu pilente finu a quannu ’un sû ndorati, e sulu tannu cacciatili d’ ’a frissura e prisentatili cadi, cadi.

“Monacelle” con alici di Amantea

IMG-20151207-WA0003
Ingredienti:

Mezzo litro di acqua; un cubetto di lievito di birra, un pizzico di sale, farina quanto basta, filetti di acciughe senza lisca, olio.

Preparazione:

Mettere un cucchiaio colmo di sale in mezzo litro di acqua appena tiepida, sciogliervi un cubetto di lievito, quindi aggiungere farina quanto basta, per ottenere un impasto molto denso.

Lavorarlo a lungo rigirandolo nella scodella con una mano, quindi fare lievitare per circa due ore.

A lievitazione avvenuta, con le mani unte di olio, formare delle palline di pasta ed inserirvi alcuni filetti di acciughe.

Friggere in olio abbondante e caldo fino a farle dorare, quindi toglierle dalla padella e servirle calde.

Spachetti ccu lla mullica

vlcsnap-2015-12-08-11h06m50s825

Chillu ca cci vò ppe quattru persuni:

Uogliu d’alivi calavrisu d’ ’a pinnata (parienti a dua cucchiari); nu mienzu spicchiu d’agliu; cinqua o sia alici senz’ ’a scarda, fatti a pazzarielli; nu mienzu chilu ’i pasta; cinquanta grammi ’i mullica ’i panu ’i l’atru juornu, smullicata fina, fina.

Cumu si pripare:

Facìti ndorari l’agliu tritatu annegannulu dintra l’uogliu d’alivi, agghiungitici cinqua o sia alici senz’ ’a scarda e facitili sfarinari dintra l’uogliu girannuli ccu nnu cucchiaru ’i lignu. Doppu mintìti dintr’ ’a frissura quattru o cinqua cucchiari ’i panu macinatu e girati finu a quannu ’a mullica ’un si piglie tuttu l’uogliu.

Cucinati ’i spachetti senza ’i fari scociri, sculatili e cunzatili ccu lla mullica dintra nu piattu grannu (miegliu s’aviti na nzalatera).

Spaghetti con la mollica

PastaMullica

Ingredienti per 4 persone:

Olio extravergine di Calabria (2 cucchiai circa); mezzo spicchio d’aglio, cinque o sei filetti di acciughe spezzettati; 500 g. di pasta; 50 grammi di mollica di pane raffermo finemente sbriciolata.


Preparazione:

Fare dorare in abbondante olio d’olivadell’aglio finemente tritato, aggiungere 5 o 6 filetti di acchiughe senza lisca, farle disfare nell’olio rimestandole con un cucchiaio di legno. Successivamente mettere in padella 4 o 5 cucchiai di pane grattuggiato e girare fin quando l’olio non è stato assorbito dalla mollica.

Cuocere al dente gli spaghetti, scolarli e condirli con la mollica in un piatto di portata.

Ppe chilli ca sanu stari alla tavula

A tutti ’i persuni ca si mangiunu sa grazia ’i Ddiu, puru ca dintra ’i rizzetti ’un l’amu dittu, raccumannàmu ’i si vivìri nu varrìlu ’i vinu ’i Cannavina o ’i Santu Pietru, ccu lla bona saluta ’i tutti quanti!

Consiglio per i buongustai

A tutti quelli che mangeranno questa grazia di Dio, anche se non è detto nelle ricette, raccomandiamo di accompagnare i piatti con abbondanti benute di vino di Cannavina o di San Pietro (con buona salute a tutti!).

allasaluta

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente automaticamente all’uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close