VOCABOLARIO DEL DIALETTO AMANTEANO

vocabolario-amanteano-1

 

 

Col permesso dell’Autore, pubblichiamo questo piccolo dizionario, non esaustivo, del dialetto di Amantea e dintorni e ci proponiamo, con l’apporto di chi vorrà collaborare, di effettuare una più approfondita ricerca che ci consenta, in futuro, di stampare una versione migliorata e aggiornata.

Eventuali segnalazioni vanno inviate a pinodelpizzo@alice.it

 

U mari jetta vulelli

DIZIONARIO MINIMO CALABRESE

vocabolario-amanteano-1

Premessa
Questo volumetto, scritto quasi per gioco, vuole essere un’occasione per ricordare parole, modi di dire e oggetti che, caduti in disuso col tempo per l’inevitabile sostituzione con la lingua ufficiale, rischiano definitivamente l’oblio.
manfredo magnoneConvinto che alla maggior parte dei ventenni amanteani, molti lemmi del vernacolo risultano obsoleti o addirittura sconosciuti, ho voluto addentrarmi, da profano, nelle innumerevoli pieghe e sfumature idiomatiche, puntando sui vocaboli maggiormente discosti dal parlato corrente.
Confesso che anche per me, non più giovane e quindi cresciuto nell’uso quasi esclusivo del dialetto, la ricerca, quasi interamente affidata alla memoria, ha generato sorpresa per ogni nuova parola balenata alla mente , ma anche nostalgia per il graduale abbandono del dizionario colorito e musicale della mia fanciullezza.
In certi attimi operativi e di riflessione a un termine selezionato hanno fatto seguito un altro o un gruppo di altri, un attributo, una locuzione e, quasi magicamente, è emerso il ricordo sempre lieto di eventi, svaghi e persone del passato.
Si è trattato in definitiva di un emozionante percorso a ritroso, in compagnia talvolta di Angelica e Liliana, alle quali va il ringraziamento per il prezioso aiuto offerto.

Manfredo Magnone

A B C D E F G H I J L
M N O P Q R S T U V Z

 

A

 

abbuttàri – v.tr./intr. pron.saziare, riempire; saziarsi.
àbitu – s.m.abito.
accattàri – v. tr.comprare.
àcciu – s.m.sedano.
acchianàri – v.intr. salire le scale.
acchiàri – v.tr. fiutare, trovare.
accuc-chiàri – v tr.. ammucchiare, avvicinare.
accùordu – s.m. accordo di chitarra.
accurtatùra – s.f. scorciatoia.
accussì – avv./agg./cong. così.
accuvàri – v. rifl. accovacciarsi.
àciellu – s.m. uccello.
àcinu – sm. acino.
acquazzìna – s.f. brina.
adacquàri – v.tr. innaffiare, irrorare.
adderrùtta – part.pass./ agg. ridotta.
addimmannàri – v.tr. domandare
addimmuràri – v. intr. tardare.
addirizzàri – v.tr. raddrizzare.
addissiccàri – v. intr.pron. prosciugarsi, avere sete.
addobbàri – v.tr. ottenere qualcosa, arrangiare.
adducìri – v.tr. addolcire, rendere dolce.
addunàri 1 – v.intr.pron. accorgersi.
addunàri 2 – v.tr. raccogliere.
adiènza – s.f. udienza, ascolto.
adunàri – v. tr. raccogliere.
aduracataddùni – locuz. quando ti accorgi.
affascinàri – v.tr. fare il malocchio.
affizzionàtu – agg. affezionato.
affriggimìentu – s.m. preoccupazione, pena.
affrìttu – part.pass./agg. afflitto.
affruntàri – v.tr. affrontare, incontrare.
affucàri – v.tr. affogare.
affùsu – part.pass bagnato.
aguànnu – avv. quest’anno.
agùstu – s.m. agosto.
àjieri – avv. ieri.
àjiu 1 –v.tr./aus.(da avere) io ho (ind. pres.1° pers. sing.).
àjiu 2 – inter.pron. ahi.
ajjàri – v.tr. trovare.
ajjàtu – part.pass. trovato.
ajòsari – v.intr.pron. sbrigarsi.
ajòsati – v.intr.pron.sbrigati ( imp.2°pers.sing)
ajòsta – v.intr.pron. sbrigati (imp.2à pers. sing.).
ajòsta – v.intr.pron. sbrigati (imp.2à pers. sing.).
ajutàri – v.tr. aiutare.
alìciu – s.f. alice.
alìvu – s.m. ulivo.
allìertu – locuz.avv. in salita.
allìjari – v.tr. scegliere.
allippùsu – agg. che allappa.
allitteràtu – s.m. tonnetto.
allordàri – v.tr. sporcare, lordare.
allùangu – avv. a lungo.
allùciari – v.tr. illuminare di solito con lume ad olio o a petrolio.
allumàri – v.tr. accendere.
allupàri – v. tr/intr. affamare; avere fame.
allupellàri – v. tr. mangiare con voracità.
allupinàri – v.tr. divorare.
allupinàta – part.pass / agg. affamata.
allùtta – s.f. lotta.
ammanicàri – v. tr. mettere il manico; avere raccomandazioni potenti; essere legato da rapporti di omertà o clientelismo.
ammappàri – v.tr. schiacciare.
ammarràri – v.tr. rendere non tagliente una lama
ammasc-càri – v.tr. mettere il maschio, il catenaccio.
ammasunàri – v.int. rientrare nel pollaio.
ammazzàri – v.tr. uccidere.
ammazzàtu – part. pass./ agg. ucciso.
ammelàri – v.tr. addolcire col miele.
ammentàri – v.tr. aggiuntare.
ammènu – avv. almeno.
ammicciàri – v.tr. scorgere.
ammogliàri – v.tr. bagnare; spec. bagnare il pane secco.
ammolàri – v.tr affilare una lama.
ammolàtu – part.pass./agg. affilato, tagliente.
ammucàri – v.intr. marcire.
ammucciarèlla – s.f. gioco del nascondino.
ammucciàri – v.tr. nascondere.
ammucciùni – loc.avv. di nascosto.
ammuìna – s.f. confusione.
ammuinàrsi – v. rifl. fare confusione.
ammunzellàri – .tr.ammucchiare,ammassare.
ammursàri – v.intr. ( da mursiellu) pranzare sul posto di lavoro, consumare il mursiellu”.
ammùzzu – agg. indistinto.
ancàtu – part.pass./agg. aperto (bocca).
ancùnu – pron./agg.ind. qualcuno.
angiòla – s.f. pesce serra.
annacàri – v.tr. dondolare.
annascàri – v. tr. annusare.
annasiàri – v.tr. odorare.
annegliàta – part.pass./ agg. colpita dalla nebbia spec.dell’uva.
ànta – s.f. confine fra terra zappata e non.
appattàri – v.intr. impattare, pareggiare.
appendìnu – loc.avv. in discesa.
appizzàri – v.tr. rimettere, perdere.
appizzùtalapissu – s.m.inv. temperamatite.
appizzutàri – v.tr. appuntire, fare la punta.
appojiàri – v.tr. appoggiare.
appojàtu – part.pass./agg. appoggiato.
appredicàri – v. intr.pron. arrampicare.
apprìessu – avv./ pr./ s.m. appresso, dietro.
apuliàri – v.tr. cercare affannosamente.
aràtu – s.m. aratro.
ardichièllu – s.f. ortica.
ardùru – s.m. odore.
ardurùsu – agg. odoroso, profumato.
ariàri 1– v.intr. andare a zonzo.
ariàri 2 – v.tr. arieggiare.
arìganu – s.m. origano.
arraggiàri – v.intr./intr.pron. arrabbiarsi, essere preso dall’ira.
arraggiàtu – part. pass./ agg. arrabbiato.
arramazzàri – v. tr. battere le noci, le olive.
arrancàri – v.intr. uscire da una tana, da un buco, da un contenitore.
arrancàtu – part.pass./agg. uscito
arrangiualiàri – v.intr.pron arrangiarsi.
arrappàtu – agg. rugoso, grinzoso.
arrassusìa – loc.avv. non sia mai.
arribbàri – v.tr. appoggiare.
arribusciàtu – agg. svogliato, senza carattere.
arrìeti – avv. prep. dietro, indietro.
arrigamàri – v.tr. ricamare.
arriganàri – v.tr. condire con origano.
arrimisc-càri – v.intr.pron. darsi da fare.
arringàri – v.tr. tirare, lanciare.
arripicchiàtu – part.pass./agg. raggrinzito, non stirato.
arrittàri – v. rifl. eccitarsi spec.del pene.
arrivogliàri – v. tr. avvolgere.
arrivogliàtu – part.pass./agg. avvolto.
arrizzicàri – v.tr. rischiare.
arrocchiàri – v.tr. raccogliere, raggruppare.
arrocculàri – v.tr./intr./rifl. arrotolare.
arrozzulàri – v.tr. rotolare.
arrubbàri – v.tr. rubare.
arrumbàri – v.intr. fare un rumore simile al tuono.
arrunchiàri – v.rifl. raggomitolarsi.
arrùotu – avv./prep. Intorno.
àsc-ca – s.f. pezzo di legno da ardere.
ascuntàri – v.tr. incontrare.
assammaràri – v. tr. lavare i panni.
assettàri – v.intr.pron sedersi.
assulicchiàri – v. rifl. scaldarsi al sole.
assummàri – v.intr. venire a galla.
assuppàtu – part.pass./agg. inzuppato.
astrachìellu – s.m. terrazzino.
àstricu – s.m. pavimento.
attagnàri – v.tr. tamponare, frenare il flusso di sangue di una ferita.
attizzàri – v. tr. attizzare, mettere legna nel camino; fig. incitare.
attroppicàri – v.intr. inciampare.
avàntu – s.m. vanto, lode.
avìri – v. tr. /aus.. avere.
avistumà – agg. impossibile.
azziccàri – v.intr. salire, montare su una scala.

 

B

 

baccalà – s.m. persona tonta, sempliciotto.
bancarièllu – s.m. banchetto.
bànna – s.f. banda, lato.
bànnu – s.m. bando.
barbàzzale – s.m. mento.
barcùni – s.m. balcone.
bàrsamu – s.m. balsamo, unguento.
bastimìentu – s .m. bastimento, grande imbarcazione per il trasporto di merci o passeggeri.
battèllu – s.m. piccola barca.
bbalìgia – s.f. valigia.
bbròcca – s.f. forchetta.
bellìzza – s.f. bellezza.
benadìca – locuz. auguri, sii benedetto.
biccherìnu – s.m. piccolo bicchiere; esten. il contenuto di liquore dolce.
bìgna (a) – avv. gratis, senza pagare.
bìssu – s.m. fibra secreta dalle cozze con la quale si fissano agli scogli.
bizzòca – s.f. donnetta bigotta.
bòtt’i sàngu – locuz. Imprecazione (“che ti possa prendere una trombosi”),
bòtt’i sàngi in ti cannòli- locuz Imprecazione (.“che ti possa prendere una trombosi agli stinchi”)
bòtta – s.f. scoppio, sparo.
bricichètta – s.f. bicicletta.
buàrdu – s.m. bordo,a bordo.
buàtta – s.f. lattina.
buccunòttu – s.m. dolce tipico farcito con cioccolato.
bufàgna – s.f. caldo afoso.
bùffa – s.f. rospo.
buffètta – s.f. tavolo da cucina.
buffettùni – s.m. schiaffo, sberla.
burdèllo – s.m. bordello, confusione.
buzzaràri – v.intr. imbrogliare.

 

C

 

cacasìccu – agg. avaro.
cacaticchìu – s.m. uccellino minuscolo.
cacatùru – s.m. W.C. , vaso.
cacèntaru – s.m lombrico di terra.
cachìssu – s.m. frutto del cachi.
càcinu – s.m. acacia.
càdu – agg. caldo.
càggia – s.f. gabbia.
caggitèlla – s.f. gabbietta per piccoli uccelli.
càgnu – s.m. cazzo; sost. di parola volgare.
calamàru – s.m. calamaro, mollusco.
caminiàtu – s.m. rimasugli di pesce triturato per pasturare durante a pesca.
cammìsa – s.f. amicia.
càmpa – s.f. grosso bruco di colore verde o marrone.
campàri – v. intr. vivere.
camurrìa – s.f. imbroglio.
canàriu – s.m. canarino.
canàtu – s.m.cognato
cancarèna – s.f. cancrena.
cancariàri – v.tr. mangiare, divorare.
càncaru – s.m. cancro.
cangiàri – v.tr. cambiare.
canìglia – s.f. crusca.
cannarùozzu – s.m. gola.
cannarùtu – agg. ghiotto, goloso.
cannatièllu – s.m. piccolo orciolo, brocca.
cannavàzzu – s. m straccio.
cannizzòla – s.f. stuoia di canne a copertura dei fichi o dei pomodori a essiccazione.
cannuòli – s.m. cannoli; fig. stinchi di persona..
cantàru – s.m. unità di misura equivalente a circa un quintale.                                                                                                         càntaru – s.m. vaso danotte, orinale.                                                                                                                                                         cantunèra – s.f. angolo esterno di una casa.
cantùni – s.m. pietra squadrata.
carcàri – v.tr. calcare; atto sessuale del gallo con la gallina.
carcàtu – part. pass. /agg. calcato.
carcavùzzi – s.m.uccellino.
càrciaru – s.m. carcere.
cardilliàri – v. tr. catturare cardellini o di altri piccoli volatili con l’uso di “u viscatu” e di “ u frascuni”.
cardìllu – s.m. cardellino.
cardùni – s.m. cardo.
carìgliu – s.m. cerro.
cariòla – s.f. scintilla del braciere o del camino.
caristùsu – agg. avaro, caro, chi vende a prezzo troppo alto.
carnulevàru – s.m. carnevale.
carricatùru – s.m. corda per legare il carico o il secchio del pozzo.
carròcchia – s.f. colpo inferto sulla testa con la nocca del dito medio piegato.
carrozziàri – v.intr. andare a spasso con un mezzo di trasporto.
cartùcciu – s.m. cartuccia per fucile da caccia.
carùbba – s.f. carruba.
carusièllu – s.m. salvadanaio.
càscia – s.f. cassa.
cascàbancu – s.m. mobile rovinato o inutile.
casciùni – s.m. cassa grande spec. anche per contenere il pane tostato.
càsu – s.m. formaggio di pecora.
casucavàllu – s.m. caciocavallo.
càvudu – agg. caldo.
cazziàta – s.f. rimprovero.
cazziatùni – s.m. aspro rimprovero.
cca – avv./ loc./prep. qua.
cchiù – avv./prep./agg./s.m. più.
ccussì – avv. così.
cecàla – s.f. cicala, cicala di mare.
cèfalu – s.m. cefalo, muggine.
cellùzzu – s.m. uccellino.
ceramìlu – s.m. tegolaceràsu – s.m. ciliegio.
cèrnia – s.f. cernia.
cirmièllu – s.m. piccolo sacco.
cèssu – s.m. gabinetto.
cèrza – s.f. quercia
chìccara – s.f. chicchera, guscio.
chìllu – avv.agg./pron. dim. quello.
chimàncu – avv./agg./sost. molto, assai.
chìna – pron. dim. chi ( in locuz. “china nasce tundu, un po’ muriri quatratu”)
chjàccu – s.m. cappio.
chjàga – s.f. piaga.
chjànca – s.f. macelleria.
chjàncula – s.f. trappola per uccellini, costituito da una pietra piatta armata con dei pezzetti di legno ed un’esca.
chjàngiari – v.intr. piangere.
chjàntu – s.m. pianto.
chjantàri- v.tr. intr. p. piantare.
chjantatùru – s.m. cavicchio, pivolo, foraterra.
chjicàri – v.tr./ rifl./iInt. pron. piegare, flettere ( in locuz. “chjicati juncu ca passe la chjina”).
ciampuniàtu – part.pass/agg. calpestato.
cianciòla – s.f. tipo di rete da pesca o tipo di barca, anche cianciuolu.
ciavùccu – agg. tonto.
cìbbia – s.f. vasca per la raccolta di acqua.
cicculatèra – s.f. caffettiera, pentolino doppio con contenitore filtro per il caffè alla napoletana.
ciancianèlla – s.f. oggetti di poco conto.
cicianièllu – s.m. ugola.
ciciariàta – s.f. dolce natalizio realizzato con la stessa pasta della scalilla, ma tagliato a piccoli pezzi.
ciciàru – s.m. cece
cièllu – s.m. uccello.
cignàli – s.m. cinghiale.
ciminèra – s.f. ciminiera, canna fumaria.
cìnnara – s.f. cenere.ciòta – s.f./m h, lettera muta dell’alfabeto.
ciotìa – s.f. mattità, sciocchezza.
ciotìàri – v.intr. matteggiare, fare il matto.
cirògenu – s.m. candela.
ciròma – s.f. confusione.
cìsta – s.f. cesta spec. in vimini.
cistièllu – s.m. cestino.
cistùni – s.m. cesta grande realizzata in vimini o canna.
cìtru – s.m. cedro.
citrùlu 1 – s.m. cetriolo.
citrùlu 2 – agg. tonto, sempliciotto.
cìttu – inter. zitto.
ciùcciu – s.m. asino.
ciuòtu – agg. scemo, stupido.
cìvu – s.m. seme.
cìvu i cùnnu – s.m./agg. clitoride, seme di pube; tonto.
coccìllu – s.m. piccola eruzione cutanea purulenta.
còffa – s.f. contenitore in legno per parangale, sin. parangale.
collàra – s.f. parte della rete caricata da ciascun pescatore nel trasferimento dell’attrezzatura dai magazzini alla barca.
colonnètta – s.f. comodino.
còpanu – agg. cavo, vuoto.
coppìnu – s.m. mestolo.
còrchjia – s.f. buccia, pelle.
corchjiulìlla – s.f. crosticina di cicatrizzazione di una piccola ferita.
coscinùtu – agg. gobbo.
costardèlla – s.f. costardella, piccolo pesce molto simile all’agora ma con becco più corto.
cràpa – s.f. capra.
crapìettu – s.m capretto.
criànza – s.f. creanza, piccola quantità di cibo lasciata nel piatto dai benestanti quasi a sottolineare l’abbondanza.
crìdari – v.tr./intr./rifl. credere.
cristarìellu – s.m. falchetto.
crìvu – s.m. setaccio, anello in legno dal fondo realizzato con sottili canne poste a piccola distanza l’una dall’altra in modo da costituire un graticcio.
crosc-carèlla – s.f. capinera.
cròzza – s.f. testa, cranio.
crùcètta – s.f. crocetta fichi farciti con mandorle o noci accoppiati a croce.
cùallu – s.m. collo.
cuazzutrùmmulu – s.m. capitombolo, capriola.
cùcchjia – s.f. coppia.
cucchiarìnu – s.m. cucchiaino.
cucchiàru – s.m. cucchiaio.
cucchiàta – s.f. coppia.
cùccu – s.m. cuculo.
cucùllu – s.m. baco da seta.
cucùzza – s.f. zucca
cucuzzùni – s.m. bocciolo.
cudicìnu – s.m. parte del frutto attaccato al ramo; estremità legata del salame.
cudìlla – s.f. schiena.
cudùrsu – s.m. coccige.
cùglia – s.f. ernia inguinale.
culacchìjutu – agg. fortunato.
culèrcia – s.f. formica rossa.
culèrinu – s.m. intestino retto.
culilùcina – s.f. lucciola.
cullurìellu – s.m. ciambellina natalizia di patate e farina.
culùri – s.f. colore.
cumìzziu – s.m. comizio elettorale.
cummiènto – s.m. convento.
cummogliàri – v.tr./rifl./intr.pron. coprire.
cumpàri – s.m. compare, padrino (cumpari d’aniellu).
cumpessàri – v. confessare.
cumpièttu – s.m. confetto.
cumpìnu – s.m. confine.
cùmu – avv./cong. come.
cunchètta – s.f. pentola.
cunchiudàri – v.tr. concludere completare un lavoro
cùnnu – s.m. pube, vagina.
cuonciu – cuonciu – avv. piano piano; fare con comodo, con cautela.
cunòcchia – s.f. apice, punto più alto.
cuòsc-cu – s.m. bosco.
cuòzzu – s.m.collina.

 

D

 

darrièti – avv./ pr.sm./ agg.ind. dietro, alle spalle.
dièntu – s.m. dente
diavulìllu - s.m. frammenti di zucchero colorato per guarnire i dolci di natale.
dijùnu – agg. digiuno.
dìnchijari – v.tr. riempire.
dìntra – avv. dentro.
dinùacchiu – s.m. ginocchio.
dissapìtu – agg. insipido, senza sale.
divacàri – v.tr. svuotare, allargare..
divrazzàri – v.tr./rifl. rimboccare le maniche o i pantaloni.
dobòtte – s.m. doppietta, fucile a due canne.
dòmito – agg. domestico, domato.
dorbicàri – v.tr. interrare, sotterrare.
dòttu – s.f. cernia dorata.
dùciu – agg. dolce
dùgnu – v.tr.. (da “dunàri”) io do ( ind. pres.1.per sing.)
dujjàri – v.tr. soffiare, gonfiare.
dunari -. v.tr. donare, dare.

 

E

 

ecciòmo – agg. persona afllitta e malconcia.
èrjari – v.tr. ergere.
èrramu – agg. solo, diseredato.
èsciari – v.tr. uscire.
esciùtu – part.pass. uscito.
èssari – v.intr./ ausil. essere.

 

F

 

facètulu – agg. servizievole.
faciùni – s.m. falcione.
famàzza – s.f. pagliuzza.
fàri – v.tr. fare.
fasùlu – s.m. fagiolo.
fatìga – s.f. fatica, lavoro.
fàvuci – s.f. falce.
fàvuzu – agg. falso, non sincero, non originale.
fàzzu – v.tr. (da “fari”) io faccio (pres. ind.1°pers.sing.)
fèlla – s.f. fetta.
felliàri – v.tr. affettare.
fellùzza – s.f. fettina di salciccia o di salame ma anche di frutto.
fèra – s.f. fiera, mercato, bestia feroce, delfino.
foramalùocchiju – locuz. enedizione, espressione di buon augurio.
fètari – v. intr. puzzare, emanare cattivo odore.
fetùsu – agg.sporco, puzzolente.
fìcatu – s.m. fegato.
fìcu – s.f. fico, pianta e frutto.
ficunniàna – s.f. fico d’india.
fìcu sc-càvi – s.f. fichi neri.
fidàli – s.m. grembiule.
figliarùla – agg. pietra dura da spezzare.
fìliciu – s.m. felce.
fìmmina – s.f. donna, femmina.
fimminèlla – agg. effeminato, omosessuale.
fisc-chìettu – s.m. fischietto.
fìsc-culo – s.m. contenitore rotondo a tasca spec. per la pasta di olive macinate da mettere sotto la pressa.
fìscìnu – s.m. esto tronco conico spec.da caricare sul basto.
fìssa – s.f. vulva, vagina.
foculàru – s.m. focolare.
fònta – s.f. buca ricavata nella terra.
fòra – avv./ prep. fuori.
fòrchjia – s.f. buca, tana.
forgiàru – s.m. fabbro, chi usa la forgia.
fraccòmmudu – agg. poco disponibile, fannullone.
fragàglia – s.f. misto di piccoli pesci adatto alla frittura.
fragàri – v.intr. frangere, spec.stato del mare durante il quale le onde si arrotolano su se stesse creando schiuma.
fragassu – s.m. pialletto dei muratori, strumento per lisciare l’intonaco.
frascùni – s.m. grosso ramo di olivo. I suoi rametti, cosparsi di “viscatu”e piantati per terra, sono usati per “cardilliari”.
fràti – s.m. fratello.
fravètta – s.f. allodola.
fravicàri – v.tr. fabbricare.
frèva – s.f. febbre.
frevàru – s.m. febbraio.
fricàri – v. tr. fregare
fricàtu – part. pass. fregato, gabbato.
frìjari – v.tr. friggere.
frijarièlli – agg. friggibile.
frijuta – part.pass ./ s.f. fritta; frittura.
frìsa – s.f. fresa, piccola ciambella spaccata a metà e tostata al forno.
friscàtula – s.f. polenta.
frìscu – s.m./agg. fresco.
frissùra – s.f. padella
frìttula – s.f. dado di lardo di maiale.
fròscia – s-f. narice.
fròsparu – s.m. fiammifero, zolfanello.
fruculìàri – v.tr. stuzzicare.
frusciàri – v.tr./intr. pron. scocciare, importunare, rompere ( in locuz. “ummi frusciari a divuzione” ).
frùsciu – s.m. gioco per bambini (campana).
frustièru – s.m. forestiero.
fùassu – s.m. fosso.
fujìri – v.intr. scappare, fuggire.
fùlla – s.f. folla.
fumìeri – s.m. letame.
fùndari – v.tr. versare inavvertitamente.
fùnnu – agg. fondo, profondo.
funtàna – s.f. fontana.
furestièru – agg. straniero.
furgàri – v tr.. tirare, lanciare.
furièsticu – agg. poco socievole, scontroso, forastico.
fùrgulu – s.m./agg. razzo, fuoco d’artificio; veloce.
fuscèlla – s.f. piccolo contenitore in giunco di forma tronco-conica usato per scolare la ricotta.
fùttari – v. tr. fottere, imbrogliare, fregare avere un rapporto sessuale.
futtùtu – p.p. fregato, imbrogliato

 

G

 

gàbbu – s.m. scandalo, meraviglia.
gàccia – s.f. accetta, scure.
gàggia – s.f. gabbia per uccellini.
gàglia – s.f. chiappa, natica.
gàlla – agg. sciocco.
gallarièllu – s.m. osso del piede, malleolo.
galliàri – v. intr. fare il gallo, prepotente.
gallìcchiu – s.m. gallicchio.
gallicùni – s.m. agglomerato duro in prodotto morbido.
gamumìlla – s.f. camomilla.
gammarièllu – s.m. gamba, stinco.
gammungiàna – s.f. damigiana.
gànga – s.f. dente molare; baldanza, presuntuosa loquacità.
gangàli – agg. di bocca larga, chiacchierone.
gangulìari – v.tr vantarsi, millantare.
ganguniari – v.tr addentare, morsicare.
garamèlla – s.f. caramella.
gàrbu – s.f. piega del tessuto o taglio cucito per dare forma a un vestito; capacità; attitudine.
garrìettu – s.m. garretto del cavallo o dell’asino, ma anche di persona.
garrùni – s.m. tallone.
gattarièllu – s.m. gattuccio, pesce della famiglia degli squali; piccolo gatto.
gàvita – s.f. grande piatto concavo tipo zuppiera.
gavitàri – v.tr. scansare.
gavitìellu – s.m.piccola “gavita”.
gèrra – s.f. contenitore in lamiera per olio.
ghijèsia – s.f. chiesa.
giargianìsi – s.m /agg. traniero.
ginètta – s.f. dolce pasquale a forma di ciambella ricoperta di glassa.
giòffa – s.f. nocca, legatura a nocca.
girjiàri – v.intr. andare in giro.
gisìna – s.f. carbone sminuzzato,carbonella.
gljiànda – s.f. ghianda, frutto della quercia.
gljiòmmaru – s.m. gomitolo.
gljìru – s.m. ghiro.
gnalatìna- s. f. (vedi “suzzu”), prodotto simile alla coppa di maiale.
granàtu – s.m. frutto del melograno.
grancatìna – s.f. mazzetto di ciliegie.
granchiàre – v.tr. sgraffignare, rubare.
grànciu – s.m. granchio.
grandiànu – s.m. granturco, mais.
grassìa – s.f. obesità.
grastatùru – s.m. castratore, anche di maiali.
gràsta – s.f. vaso di terracotta, per piantine.
grastàri – v. tr. castrare.
gravunàru – s.m./agg. calabrone; non equilibrato (contrapposto a “pomisu”, se riferito a uno “struommulu”).
gravùsu – agg. pesante.
grègna – s.f. covone di grano.
gremàri – v.tr./intr. patire, soffrire.
grispèlla – s.f. dolce natalizio, realizzato a forma di pallina con farina e acqua.
grìspi – s.f. grespa, piega della pelle in corrispondenza dell’ano.
gròccia – s.f. attrezzo a due denti simile alla zappa.
grùaccu – s.m. gancio.
grùancu – s.m. gronco.
grupàri – v.tr. bucare.
grùpu – s.m. buco.
grùtta – s.f. grotta.
guagliùne – s.m. ragazzo.
guàllara – s.f. ernia inguinale.
guantièra – s.f. vassoio per dolci o confetti.
guàrna – s.f. getto d’acqua all’uscita di una vasca.
gùccia – s.f. goccia
gugliàta – s.f. gugliata, pezzo di filo inserito nella cruna dell’ago.
gunnèlla – s.f. gonna.
gulìa – s.f. voglia.
gùrna – s.f. pozza d’acqua.
gustàri – v.tr. assaporare, guardare, contemplare.
gutturìja – s.f. leccornia.
gutturùsu – agg. goloso.

 

H

 

hàiju – inter. pron. ahi, esclamazione di dolore.
hànu – v. tr./aus.(da “aviri”) essi hanno (ind. pres. 3° pers. pl.).

 

I

 

ìertu – s.m. salita.
ièscita – s.f. diarrea.
ìlla – pron.pers. lei, ella, essa.
ìlle – pron.pers. loro, esse.
ìlli – pron. pers. loro, essi.
ìllu – pron. pers. egli, lui, esso.
impriffèttu – agg. imperfetto, cattivo..
ìnchjari – v.tr. riempire.
inchjùtu – part.pass./ agg. riempito
intrasàtta – avv. all’improvviso, di sorpresa.
ìsca – s.f. esca, boccone infilato sull’amo per ingannare il pesce.
Isca – n.pr. scogli prospicienti il litorale di Amantea

 

J

 

jàccheru – agg. spaccone.
jagìna – s.f. mangiatoia.
jamunìndi – v.intr.pron.. (da jiri) andiamocene( imp. 1° pers. pl.)
jàncu – agg. bianco.
jàtu – s.m. fiato.
jennàru – s.m. gennaio.
jestìgna – s.f. bestemmia, imprecazione.
jestimàri – v.tr. bestemmiare.
jettàri – v.tr./ ntr. gettare, germogliare.
jettàta – part.pass./agg./s.f. gettata, germogliata; fig. pane molto sottile cotto vicino alla bocca del forno (“jettata anti furnu”).
jettùni – s.m. ramo giovane.
jièncu – s.m. vitello.
jièttula – s.f. nastro.
jinostra – s.f. ginestra.
jinùacchiu – s.m. ginocchio.
jippùni – s.m. corpetto da donna in velluto e molto aderente.
jìri – v.intr. andare.
jìritu – s.m. dito.
jirùospulu – s.m. rospo.
jiùjiumu – s.m. giuggiolo.
jiumènta – s.f. giumenta, puledra di cavallo.
jocatùru – s.m. giocatore.
jòcca – s.f. chioccia.
joccàta – s.f. nidiata di pulcini.
jòrda – s.f. pellagra.
jumàra – s.f. fiumara, fiume molto largo.
jùmi – s.m. fiume.
jùngiari – v. giungere, accoppiare.
jungiùta – part.pass. giuntata.
jùnta – s.f. piccola quantità di grani, semi ecc. contenuti nelle mani unite a coppa.
juoccùlu – s.m. fiocco.
juògliu – s.m. loglio.
jùrari – v.intr. fiorire.
juràri – v. tr. giurare.
jurnàta – s.f. giornata.
juàrnu – s.m. giorno.
jurùtu – part.pass. fiorito.
jùru – s.m. fiore.
jujjìari – v.tr./ intr. soffiare.
jujjìuni – s.f. soffio.
jiuòvi 1– s.m. giovedì,
jiuòvi 2 – avv. mai (u jiuovi, u jiuovi).
jùtu – part.pass andato.
jùvi – s.m. giogo per buoi.

 

L

 

lacìertu – s.m. lanzardo (pesce).
lampìjari – v.intr. lampeggiare.
lancàri – v.tr aprire la bocca.
latriàri – v.intr. latrare.
làtru – s.m. ladro.
lavìna – s.f. torrente, piccolo corso d’acqua.
làzzu – s.m. laccio, cordicella.
lerchja – s.f. lerchia, passera (il pesce più comune ma anche più appetito dai buongustai; la caratteristica principale è che, contrariamente agli altri pesci, ha la bocca posizionata in senso verticale ).
licèrta – s.f. lucertola.
lièfricu – s.m. orlo su un tessuto.
lìeggiu 1 – s.m. foro nella sentina di una barca per il drenaggio dell’accqua.
lìeggiu 2 – agg. leggero.
lièntu – agg.magro.
lietticùsu – agg. magro, malaticcio.
lìettu – s.m. letto
lievìtru – s.m. mota, limo.
lievitrùsu – agg. limaccioso.
ligàzza – s.f. legaccio.
limbèrgia – s.f. albicocca col nocciolo dolce.
limòsina – s.f. elemosina.
lìppu – s.m. alghe, specie di sfilaccio dall’impasto della carne per i salami.
lisbèrgia – s.f. schiaffone.
lisbèrgia – s.f. schiaffone.
listùni – s.m. striscia di legno dritta.
lìtra – s.f. unità di misura per olio.
lizziòni – s.f. elezioni.
llappellà – avv. s.m. subito.
llùocu – avv. li, in quel luogo .
longarìnu – agg. di forma allungata.
lòsa – s.f. leccia stella ( pesce).
lumèra 1 – s.f. pesce prete.
lumèra 2 – agg. allampanata, magra.
luntrùnu – s.m. poltrone, vagabondo.
lùstru – s.m. luce.

 

M

 

macàru – avv./ inter. magari.
maccarrùni – s.m. maccheroni.
maccarrùnaru – s.m. matterello.
maccatùru – s.m. fazzoletto.
macinièllu – s.m. macinino per caffè.
màciulu – agg. domestico, non selvatico.
magàra – s.f. fattucchiera.
majìlla – s.f. madia.
màjiu – s.m. maggio.
malacàrni – agg. delinquente, abietto, corrotto.
malanòva – s.f. disgrazia.
malapàsca – s.f. maledizione.
malatìa – s.f. malattia.
maluòcchiju – s.m. malocchio.
mammarùtu – s.m. uomo nero, orco.
mànca – s.f. sinistra.
mangicuògnu – s.m. cibo.
maniàri – v.tr. maneggiare.
maniàtu – part.pass./agg. maneggiato.
manìpula – s.f. cazzuola.
mannàra – s.f. mannaia.
mànta – s.f. coperta di lana.
Mantìja – n. prop. Amantea
mantijùotu – agg. abitante di Amantea.
màntu – s.m. mantello.
manumbèrsa – s.m. manrovescio.
mappàta – s.f. piccola quantità di verdura raccolta in uno strofinaccio legato.
mappìna – s.f. strofinaccio, straccio, manrovescio.
marbìzzu – s.m. tordo.
marèlla – s.f. cicoria, erba amarognola.
marùzza – s.f. lumaca, chiocciola.
marzupìtu – part.pass./agg. abbacchiato.
masc-catùra – s.m. serratura.
massàru – s.m. capo di una masseria.
màstru – s.m. maestro d’arte, artigiano.
masunàru – s.m. pollaio.
matrìja – s.f. suocera, madre della sposa.
màzzu – s.m. mazzo.
mazzacàni – s.f. grossa pietra.
mbacàntu – avv. a vuoto.
mbalenàri – v.tr./ rif. avvelenare, arrabbiarsi.
mbarràri – v.tr coprire, accostare una porta, socchiudere.
mbasciàta – s.f. ambasciata; compito non definito o di cui non si vuole spegare la natura (“fari ‘na mbasciata”)
mbèce – avv. invece.
mbècica – avv. invece.
mbèrsu – prep.verso, in direzione di….
mbàstu – s.m. basto, sella per asino o mulo realizzata in legno.
mbiàri – v.tr. avviare.
mbiàto – part.pass./agg. avviato, partito.
mbìdia – s.f. invidia.
mbisc-càri – v.tr. mischiare.
mbisc-càtu – part.pass /.agg. mischiato.
mbitàri – v.tr. avvitare di vite, invitare un ospite.
mbìtu – s.m. invito.
mbivìsciari – v.tr./ intr. risuscitare.
mbivisciùtu – part.pass./agg risuscitato.
mbobbinièllu – s.m. bambino, lattante.
mbolicàri – v.tr. avvolgere, imbrogliare.
mbolicàtu – part. pass./agg. imbrogliato, intrecciato.
mbràzza – avv. in braccio.
mbriàcu – agg. ubriaco.
mbrilliccàri – v.tr./rifl. ornare con gioielli.
mbrillìccàtu – part.pass./agg. Ornato.
mbrìsc-cula – s.f. briscola, gioco di carte.
mbrittulàri – v.tr./rifl. sporcarsi, immischiarsi.
mbrosàri – v.tr. /intr.p. imbrogliare.
mbrosùni – agg. /sost. imbroglione.
mbrusciniàri – v.tr. rotolarsi per terra.
mbruscinàtu – part.pas. rotolato per terra.
mbuccàri – v.tr. imboccare, inghiottire.
mbuttàri – v.tr. spingere.
mbuttùni – s.m. spintone.
mendulàta – s.f. latte di mandorla.
menzìna – s.f. metà, mezza parte.
mìcciu – s.f. stoppino per lume a petrolio o ad alio.
midùlla – s.f. cervello.
mìendula – s.f. mandorlo.
mìenzu – avv. metà, mezzo
mièrulu – s.m. merlo.
migràtu – s.m. emigrato.
milògna – s.f. tasso (animale).
milùni – s.m. anguria, melone.
minàri – v.tr. menare, tirare, lanciare.
minàtu – part.pass./agg. menato, tirato, lanciato.
mìnchia – s.f. pene.
minchiùni – agg. stupido.
mìnna – s.f. mammella.
mìntari – v.tr. mettere, immettere, avere un rapporto sessuale.
misàli – s.m. tovaglia da tavola.
misdèa – s.f. musdea (pesce).
missàta – s.f. terreno con le stoppie dopo la mietitura.
mmacchìula – s.f. occhiello, asola.
mmarcàri – v.tr./rifl. imbarcare.
mmìenzu – loc.prep.. in mezzo.
mmisc-càri – v.tr. mischiare.
mmolicatìna – s.f.. imbroglio.
mmolicàri – v.tr. imbrogliare, avvolgere.
mmolicàtu – part.pass./agg avvolto.
mmurrìculi – s.m vizi, capricci.
mmurrìculusu – agg. viziato, capriccioso.
mo – avv. adesso, subito
moltìblica – s.f. ruota dentata fissata sui pedali della bicicletta.
monacèlla – s.f. specialità natalizia con farcitura di acciughe salate; lumaca.
mòni – avv. adesso, subito.
mpàcchia – s.f. fico marcio spappolato.
mpacchiàri – v. intr. pron. sbattere, urtare.
mpàccia – avv./prep. davanti, in faccia.
mpajàri – v.tr. accoppiare i buoi sotto il giogo.
mpallottamèrda – s.m. scarabeo stercoraio.
mpàmia – s.f. infamia.
mpapocchiàri – v.tr. imbrogliare, infinocchiare.
mpàru – agg. piano, comodo.
mpassatùra – s.f. fasciatura.
mpassulàri – v.intr. appassire, disidratarsi.
mpassulàtu – part. pass./agg. appassito.
mpassulùni – s.m. fico maturo, appassito.
mpastrocchiàri – v.tr. fare pastrocchi.
mpasturàri – v.tr. impastoiare.
mpasturàtu – part. pass./agg. impastoiato
mpàtti – cong. infatti.
mpesàri – v.tr. caricare, portare via.
mpetràtu – agg. impietrito.
mpìernu – s.m. inferno.
mpilàri – v.tr. infilare, corredare un ago di filo; introdurre in apposito foro o cavità.
mpillàri – v.tr. mettere i piedi nella mota.
mpingiàri – v.tr. attaccare, appendere.
mpingiùsu – agg. colloso, attaccaticcio.
mpinnàri – v.tr. metter le penne.
mpinnàta – part. pass. /agg. con le penne.
mpirunàri – v.tr. conficcare (un legno).
mpirunàtu – part.pass./agg. conficcato.
mpìttu – part.pass./agg. attaccato, appeso.
mpizzàri – v.tr. infilzare, bucare.
mpocàri – v.tr. infocare, infiammare.
mpostimàtu – part.pass/ agg. infiammato, infettato.
mprasc-càri – v.tr./rifl. picchiare qualcuno; sporcarsi il viso.
mprenàri – v.tr. fecondare, mettere incinta.
mpurchiàri – v.tr./ intr. pron. infilare nella tana, ricacciare.
mpùsu – part.pass./agg. bagnato.
mùartu – part. pass. /agg. morto.
mucàtu – agg. marcio, guasto.
mùccu – s.m. moccolo.
muccùsu – agg. bambino pieno di moccio.
muglièra – s.f. moglie.
mulingiàna – s.f. melanzana.
mullìca – s.f. prodotto ottenuto dalla bollitura di residui di ossa, cotiche e piccoli pezzi di carne di maiale; mollica di pane.
mungiuliàri – v. tr. spiegazzare, sgualcire.
mungiuliàtu – part. pass./agg. spiegazzato, sgualcito.
munnàri – v.tr. mondare, pelare.
munnizzàru – s.m. discarica; contenitore in cui gettare i rifiuti e gli avanzi di cibo.
mùnnu – s.m. mondo.
muntùni – s.m. montone, becco, maschio di pecora per la monta.
munzìellu – s.m. cumulo, catasta.
muoccùlu – s.m. muco, secrezione nasale.
murìri – v.intr. morire.
mùrmura – s.f. mormora (pesce).                                                                                                                                                             mùrra 1 – s.f. moltitudine, branco, grande quantità, ( “na murra i genti”).
mùrra 2 – s.f. morra (gioco di gruppo a coppie; la sfida consiste nell’ indovinare la somma delle dita aperte contemporaneamente dai due contendenti).
mursìellu – s.m. pasto della mattina (servito sul posto di lavoro nei campi e costituito quasi sempre da una frittata di farina con verdure o da una frittura di verdure miste e da conservati sotto sale o sotto aceto).
murtàru – s.m. mortaio, pesante ciotola in legno o in pietra per pestare il sale, i legumi ecc..
murtìlla – s.f. mortella (pianta aromatica molto utilizzata nella confezione dei fichi secchi e nella cucina).
muscarìellu – s.m. moscerino.
muscatìellu – sm. vino moscato.
mùsciu – agg. moscio, floscio, vizzo.
muscùni – s.m. barba a pizzetto.
mùssu – s.m. muso.
mustàzzi – s.m. baffi.
mustazzùolu – s.m. mostacciolo (dolce di farina e miele in forma di animale o altro)– s.m. mosto
muttettùsu – agg. capriccioso.
muzzicùni – s.m. morso, boccone.
muzzùni – s.m. mozzicone.

 

N

 

na – art.ind. una.
nàca – s.f. culla.
nànnu – s.m. nonno.
n’dajta – s.f. quadrello di legno,infisso nel muro, su cui poggiano i camminamenti per i muratori.
nbuccàri – v.tr. imboccare.
ncamàtu –agg.. affamato.
ncannulàtu – agg. riccioluto, a forma di boccolo.
ncàpu – avv. sopra, in alto.
ncarcàri – v. tr. spingere, premere.
ncarricàri – v. intr. pron. fregarsene.
ncarruocciulàri – v.tr. ingarbugliare, intrecciare.
ncarruocciulàtu – part.pass./ agg. ingarbugliato, intrecciato.
ncavarcàri – v.tr. montare un cavallo, a cavalcioni.
ncatturàri – v.tr. impigliarsi, intrecciarsi tanto da muoversi con difficoltà, avvilupparsi.
nc-chiummàri – v.rifl. intoppare, non riuscire a deglutire.
nchiàstru – s.m. impiastro, poco pratico.
nchiavàri – v. tr. chiudere a chiave.
nchiavicàtu – agg. sporcato, chiuso,  fissato.
nchijanàri – v.tr. salire.
nchijummàri – v.intr. rimanere nel gozzo.
nchiòstru – s.m. inchiostro
nchiovàri – v.tr. inchiodare.
nchiovàtu – part.pass./agg. inchiodato.
nchiummatu – part.pass. rimasto nel gozzo.
nciarùllo – loc. avv. portare a cavalcioni sulle spalle.
nciènzu – s.m. incenso.
ncinciulijàri – v. intr.. arzigogolare.
ncìnu – s.m. uncino.
ncocciàri – v.tr. /intr.. abboccare (di pesce).
ncoppulàri – v.tr. capovolgere, coprire.
ncrepàri – v.tr. schernire, prendere in giro.
ncrìsciari – v intr. pron. annoiare (si), rincrescere.
ncùallu – avv./loc.avv.. addosso, sulle spalle.
ncùarpu – avv./ loc.avv. in corpo, addosso.
ncugliunàta – agg. non lievitata.
ncugnàri – v.tr. battere, mettere un cuneo.
ncujari – v.tr. comprimere.
ncurmellàtu-part. pass. / agg. ricolmo.
ncùttu – part. pass. /agg. stretto stretto, vicino vicino, fitto fitto.
nderramàtu – agg. sventurato.
ndìlli- ndìlli – loc. a vv. leggero, senza portare niente.
ndoràri – v.tr. indorare (di fritto).
ndùccu – s.m. tonto.
ndùciari – v.tr. inghiottire, deglutire.
ndùjia – s.f. salame morbido da spalmare.
nduluràtu – part.pass./agg. addolorato.
ndùvu – avv. dove.
nèglia – s.f. nebbia.
nènte – avv./agg./s.m niente
nfrattàri – v. tr. nascondere.
ngàglia – s.f. fessura, natica.
ngagliàri – v.tr. indovinare.
ngagliàtu – part.pass./agg. indovinato..
ngallicàtu – agg. non lievitato spec.di pane o dolce.
ngànnu – s.m. inganno, imbroglio.
ngarràri – v.intr. riuscire, indovinare.
ngìlla – s.f. anguilla.
nginàglia – s.f. infiammazione di ghiandola inguinale.
ngriccàri – v.tr. eriggere, alzare.
ngroccàri – v.tr. agganciare.
ngroccàtu – part.pass. agganciato.
ngrugnàri – v.tr. fare il muso.
nguàcchiju – s.m. guaio.
nìettu – agg. pulito, lavato.
nigna – s.f. capretta.
nìvuru – agg. nero.
nnasiàri – v.tr. schifare.
nòra – s.f. nuora.
nsaccàri – v.tr. infilare nel sacco.
nsippàri – v.tr. pungere, infilare.
nsivàtu – agg. unto, sporco.
ntarìmmi – avv. frattanto, nel frattempo.
ntenìeri – agg. tenero.
ntignàri – v. tr. insistere con cocciutaggine.
ntìppulu – s.m. tappo.
ntisicàri – v.int. indurire, irrigidire.
ntisicàtu – part. pass./agg. indurito.
ntìsu – part.pass. sentito, ascoltato.
ntìsa – s.f. udito (senso dell’udito).
ntorciniàri – v.tr. aggrovigliare,attorcigliare.
ntorciniàtu – part.pass./agg. attorcigliato, contorto.
ntostàri – v.tr. indurire, irrigidire.
ntostàtu – part. pass./agg. ìndurito, irrigidito.
ntramènti- avv. frattanto, nel frattempo.
ntrasàtta – avv. improvvisamente, di sorpresa
ntriculiàri – v.intr. pron. immischiarsi, intromettersi.
ntronàri – v.tr. /intr. rintronare.
ntroppicàri – v.tr. inciampare.
ntruozzulàri – v.tr. ruzzolare, cadere.
ntrozzulàtu – part. pass./agg. ruzzolato, caduto.
ntruzzàri – v.intr. sbattere testa e testa.
ntuossicàre – v.tr. intossicare, avvelenare.
nturdunìtu – agg. stordito.
nturràri – v.tr. bagnare nel miele.
nùa – pron.per. noi.
nuadìcu – s.m. nodo.
nùcia – s.f. noce.
nuciicuàllu – s.m. vertebra cervicale.
nucipìersicu – s.m .pescanoce.
nùllu – agg. Ind./pron. indef.. nessuno.
nuozzùlu – s.m. nocciolo; residuo della pressatura delle olive.
nutàru – s.m. notaio.
ntìnna – s.f. albero della cuccagna, antenna.
nuzzènti – agg.innocente.
nzalàta – s.f. insalata.
nzaccàri – v.tr. infilare, indossare.
nzertàri – v.tr. indovinare.
nzipìtu – agg. insipido, senza sale.
nzippàri – v.tr. premere con forza.
nzippettàri – v-tr. riempire completamente.
nzippettàtu – agg. pieno pieno.
nzirràri – v.intr./pron. arrabbiare.
nzirràtu – part. pass. /agg. arrabbiato.
nzìti – s.m. setole di maiale.
nziu-nziu – avv. poco poco.
nzuràri – v.intr. sposarsi (uomo).
nzuràto – agg. uomo sposato.
nzurfuniàri – v.tr. attizzare, ravvivare il fuoco, fomentare una lite, aizzare.
nzurfuniàtu – part. pass.. attizzato, stuzzicato.
nzùrtu – s.m. infarto.

 

O

 

occhiàta – s.f. occhiata (pesce).
ogljiarùlu – s.m. oliera ( contenitore dal becco sottile per versare piccole quantità di olio).
òji – s.m.oggi.
òrba – s.f. grosso salame fatto con carne di maiale.
orbicàri – v.tr. sotterrare.
ordichièllu – s.m. ortica.
orfanìellu – s.m. legnetto levigato, gettato sulla spiaggia dalle mareggiate e raccolto per accendere il fuoco.

 

P

 

pàcca – s.f. foglia di fico d’india, natica.
paccarùni – s.m. schiaffo, manrovescio.
pacchjiaròttu – agg. cicciottino, grassottello.
pacchjòla – s.f. bottone grande da cappotto.
pagliàru – s.m. pagliaio.
pagùra – s.f. paura.
palàmitu – s.m. palamita (pesce).
palànghistru – s.m. parangale, attrezzo da pesca ( trattasi di lungo filo di nailon o cordino con tanti braccioli alla estremità dei quali sono legati gli ami).
pallarèlla – s.f. allina.
palùmmu 1 – s.m. colombo, piccione.
palùmmu 2 – s.m. pesce palombo.
pàmpina – s.f. foglia.
pannìzzu – s.m. pannolino di stoffa atto a contenere il flusso mestruale.
pantànu – s.m. pantano (zona di ristagno dell’acqua per la natura argillosa del terreno).
pànza – s.f. pancia, stomaco.
panzaròttu – s.m. panzarotto (frittella ripiegata su sé stessa e ripiena di pomodoro e mozzarella).
papàgna – s.f. sonnolenza.
paparìna – s.f. apavero.
paparòtta – s.f. pop-corn, mais tostato.
papòcchia – s.f. bugia.
pàppiciu – s.m. ragnatela, polvere.
pappùsu – agg. office.
papùla – s.f. piccola vescica della pelle per una forma di allergia o di irritazione.
pàrca – v.intr. (da pariri ) pare che, sembra (ind. pres.3° per. sing.).
parìri – v.intr. sembrare.
parmentiàri – v.intr. camminare avanti e indietro (tipico del procedere durante la pigiatura dell’uva).
parmìentu – s.m. palmento, vasca dove si pigia l’uva.
pàrmu – s.m. palmo della mano; unità di misura di circa 25 cm..
parràri – v.intr. parlare.
parrèra – s.f. macigno, grossa pietra.
parrìlla – s.f. cinciallegra.
pascùni – s.m. pasquetta.
pàssaru – s.m. passero.
pastinàca – s.f. carota.
pastrùocchiu – s.m. pastocchio, imbroglio, pasticcio.
pàtritta – s.m./ agg. tuo padre.
patrjìatta – s.m./agg tuo suocero.
patùtu – part.pass. /agg.. sofferto, subito.
pecurìellu – s.m. agnello.
pecurùni – loc. avv. a quattro zampe.
pedafìcu – s.m. fico (pianta).
pedalìvu – s.m. ulivo (pianta).
pèllaru – s.m. schiaffo.
pellizzùni – s.m./ agg. fannullone, sfaticato.
pendìnu – s.m. discesa.
pennuliàri – v.int. / tr. pendere.
pèrchia – s.f. perchia (pesce).
perciàri – v.tr. bucare.
perciasàccu – s.m. piccolo pesce di forma cilindrica allungata.
perrupàri – v. tr./ rifl. precipitare, crollare.
perticùni – s.m. palo di legno dritto, persona molto alta e magra.
pertugàllu – s.m. arancio (a Gallo).
petrusìnu – s.m. prezzemolo.
pertùsu – s.m. buco.
pètra pùmicia – s.f. pietra pomice.
pettinìssa 1 – s.f. pettine curvo da donna per fermare i capelli sulla nuca.
pettinìssa 2 – s.f. tipo di medusa urticante di colore marroncino; tipo di sogliola.
pèzz‘i càsu – s.f. forma di cacio.
pìca – s.f. gazza, uccello nero e bianco.
picarèlla – s.f. razza (pesce).
pìcca – avv./agg. ind./ pron.ind. poco, piccola quantità.
piccirìllu – agg. piccolo, anche di bambino.
piccìju – s.m. lamento, pianto continuo.
picciùni – s.m. piccione; vulva.
pìcu – s.m. piccone pesante.
picùni – s.m. piccone leggero, fig.:contadino.
pidànna – s.f. contenitore in terracotta (di solito con due manici, usato per la conservazione delle olive o di altri prodotti).
piducchijùsu – agg. pidocchioso, fig.taccagno.
piècura – s.f. ecora.
pièdi 1 – s.m. piede.
pièdi 2 – s.m. albero, pianta.
pièjiu – avv./agg./sost. peggio.
piènsica – avv. forse, potrebbe essere.
pièrgula – s.f. pergola, sistema di coltivazione della vite.
pièrsicu – s.m. pesco.
pièrsicu’apertùsu – s.m. pesca la cui polpa si stacca facilmente dal nocciolo.
pièrtica – s.f. palo dritto.
pignàta – s.f. pignatta, contenitore in terracotta usato per cucinare fagioli o ceci.
pignulàta – s.f. cicerchiata, dolce natalizio composto da pezzetti di pasta fritti e cosparsi di miele.
pìla – s.f. denaro; pigolio.
pilàtu – agg. pelato, glabro, calvo.
pilènti – agg. bollente, molto caldo.
pilìa – s.f. sfortuna, malocchio.
pilìu – s.m. lamento continuo.
pilièri – s.m.tipo di erba da pascolo. pìlla – s.f.pozzanghera nella terra.
pìlu – s.m. pelo.
pimmiduòru – s.m. pomodoro.
pìnna 1 – s.f. penna di volatile, pinna di pesci.
pìnna 2 – s.f. penna per scrivere.
pìnna 3 – s.f. frutto di mare bivalve a forma di cozza ma di dimensioni molto più grandi, anche 80 cm.
pìnna 4 – s.f. attrezzo di gomma per nuotatori.
pìnna 5 – agg. (da pinna) molto buono.
pinnàta – s.f.. da pinnata, ottimo, il meglio.
pinnichiàri – v.intr. sbattere le ciglia.
pipardìellu – s.m. peperoncino piccante.
pìpi – s.m. peperone dolce.
pipìta – s.f. non avere l’uso della parola.
pipitàri – v. intr./ tr. tacere, non parlare.
pìritu – s.m. peto, flatulenza.
pìpu (pisàtu) – s.m. pepe nero macinato.
pìrchiu – agg. avaro.
pirùcca – s.f. sbornia.
pirùni – s.m. paletto piantato per terra per legare gli animali; legno corto e appuntito.
pisàri – v.tr. trebbiare un frumento.
pisatùru – s.m. pestello del mortaio.
pisciatùru – s.m. orinale (contenitore in lamiera o in terracotta smaltata per orinare in assenza del bagno in casa).
pisciàzza – s.f. orina.
piscistuòccu – s.m. stoccafisso, merluzzo seccato e affumicato.
pistarùta – agg. turgida.
pistìlla – s.f. castagna sgusciata secca.
pìsu – s.m. peso, preoccupazione.
pisulàta – s.f. piano di cannucciaie per seccare i fichi.
pisuliàri – v.tr. soppesare.
pìtta – s.f. pagnotta di pane, foglia di fico d’india.
pittàri – v.tr./ rifl. dipingere, verniciare, truccarsi.
pitticèlla – s.f. frittella.
pìtti cu’ l’uòvu – s.m dolce cotto nel forno con un uovo sodo all’interno.
pìtti cu’ nièbiti – s.m. dolce farcito con mostarda di uva e noci sgusciate.
pittùla – s.f. pezzo di stoffa che fuoriesce dal vestito.
pitùsu – s.m. faina.
pivùla – s.f. uccello dal canto lugubre, considerato portatore di cattive notizie o disgrazie.
pizzicàta – s.f. pizzico (di sale, di tabacco).
pizzulùni – s.m. pizzicotto.
pizzùtu – agg. appuntito.
pòmisu – agg. dolce, silenzioso. Si dice di uno “struommulu” ben equilibrato, non pesante sulla mano quando in rotazione.
porcarìa – s.f. porcheria, schifezza.
pòrjiari – v. tr./ intr. porgere.
portigàllu – s.m. arancia (ad Amantea).
postarièllu – agg tardivo, lento nella maturazione.
ppecchì – avv./cong./s.m. perché, come mai.
ppemmò – avv. per adesso, per ora.
pratìnu – s.m. platano.
prejàri – v.intr. gioire, essere felice.
prejàtu – agg. felice, contento.
prèna – agg. incinta, gravida.
prèssa – s.f. fretta.
pressaròla – agg. frettolosa.
prièvutu – s.m. prete, sacerdote.
prifùmu – s.m. profumo, aroma.
primijùri – s.m. primi fiori, primo frutto dei fichi.
priserbàre – v. tr preservare.
prisùttu – s.m. prosciutto.
prummentìju – agg. precoce, che matura in anticipo.
prummìntari – v. tr /rifl. promettere.
prùnu – s.m. prugna, susina.
prùppu – s.m.polpo (mollusco).
puàzzu – v.intr.. (da putiri) io posso( pres. ind. 1° pers. sing.)
pùc-chia – s.f. pozza d’acqua.
pudia – s.f. pezzo di camicia sporgente dai pantaloni o dalla gonna.
puèta – s.m. poeta.
pùglìa – agg . morbida.
pùlica – s.f. pianta aromatica .
pulicìnu – s.m. pulcino.
pùliciu – s.m. pulce.
pullitriàri – v. intr. fare le bizze.
pullìtru – s.m. puledro, asinello.
pungitùru – s.m. pungolo per i buoi.
punìri – v.tr./ intr. tramontare spec.del sole.
puntàra – s.f. pietra posta a confine di proprietà.
puntìna – s.f. chiodo.
puntàzza – s.f. calcio sferrato con la punta della scarpa.
puòrcu – s.m. maiale.
puòrficia – s.f. forbice.
purbariàri – v.tr. polverizzare, fig. annientare,annullare distruggere.
purbarùsu – agg. polveroso.
purchjiàcca – s.f. vulva.
purchjiunùtu – agg. grassottello, rigoglioso.
pùrcina – s.f. calzatura ricavata da pezzi di vecchi copertoni di automobile piegati e legati nella parte superiore del piede.
purmintàri – v. tr. promettere.
pùru – cong. /avv.. pure, anche.
pustarièllu – agg. tardivo, che matura dopo.
putàri – v tr.. potare.
putàtu – part.pass. potato.
putìga – s.f. bottega, negozio.
putigàru – s.m. bottegaio, negoziante.
putìri– v.intr. potere .
pùzu  – s.m. polso.
pùzzu 2 – s.m.pozzo.

 

Q

 

quacquariàri – v.tr./ intr. bollire.
quadàra – s.f. pentolone per bollire il bucato o le bottiglie di conservati.
quadaràru – s.m. artigiano che produce, ripara o stagna “quadare”; anton. fratelli Alfano.
quadaruòttu – s.m. piccola quadara.
quadiàri – v.tr. /rifl. scaldare, riscaldare.
quadiàtu – part.pass./agg scaldato, riscaldato.
quàgliu – s.m. caglio per il formaggio.
quagliàri – v. tr. /intr. coagulare, rapprendere.
quaquaraquà – agg. (dal siciliano) uomo di nessun valore o peso, indegno, immeritevole di rispetto.
quàrta – s.f. unità di misura per olio corrispondente a cinque litri.
quartucciàta – s.f. unità di misura di superficie corrispondente a 2.200 m.q..
quatrèttu – s.m. gioco consistente nel mandare le monete, lanciate dal contendente di turno, nel settore di un quadrato disegnato per terra.
quatràru – s.m. ragazzo, adolescente.
quatrarièllu – s.m. ragazzino, bambino.
quazàri – v.tr. calzare.
quazàtu – part. pass. /agg. calzato.
quazièttu – s.m. calzetto.
quazùni – s.m. pantalone.
quazunièttu – s.m. mutanda, pantaloncino corto.

 

R

 

ragàri – v. tr. /rifl./pron. portare con fatica, trascinare.
ragiùni – s.f. ragione.
ràggia – s.f. rabbia, rancore, astio.
ranòcchia – s.f. rana, ranocchio.
ràpa – s.f. verdura coltivata di cui si mangiano le foglie ed i broccoletti, tubero commestibile.
ràsa – s.m./avv./loc. prep. lato, cantuccio (a ‘na rasa).
rasc-càri – v.tr. / rifl. raschiare, graffiare.
rasuliàri – v.tr. tagliare con il rasoio.
rènga- s.f. aringa.
rapìri – v.tr./intr. pron. aprire.
règlia – s.f. scaglia di legno, dovuta allo inserimento di un cuneo o una punta su un pezzo di legno o su uno “struommulu”.
regliàri – v.tr. spaccare, ridurre a “reglie”.
rèsta – s.f. treccia di peperoncini , di cipolle o aglio.
rìbba – s.f. lato.
rìcchia – s.m. orecchio.
richièsta – s.f. promessa di matrimonio.
ricogliàri – v.tr./intr. raccogliere, ritornare.
ricriàri – v.tr. /rifl. divertirsi.
ricuòtu – part.pass. tornato, ritornato.
riepùlu – s.m. lepre.
rigumàri – v.tr. ruminare.
riminiàri – v. tr. rimestare, mescolare.
rìna – s.f. sabbia.
rintronàre – v.intr. rimbombare.
risbigliàri – v.tr. /intr. pron. svegliare.
risimòglia – s.f. rimasugli della bollitura di ossa e altre piccole parti di carne maiale (anche mullìca).
ristùcciu – s.m. stoppia.
rivuòtu – s.m. maialino.
rìzza 1 – s.f. angolo, spigolo, zona periferica.
rìzza 2 – s.f. rete.
rizzètta – s.f. ricetta.
rìzzu – s.m. riccio.
rocchèllo – s.m. rocchetto dentato, posto sulla ruota della bicicletta per il movimento dei pedali; rocchetto di filo.
rosamarìna – s.f. lattarina, avannotto, novellame.rosèlla – s.f. caldarrosta.
rròbba – s.f. terreno, proprietà.
ruànzu – s.m. pozza d’acqua in una piccola ansa di fiume o del ruscello.
ruombùlu – s.m. pietra grossa.
ruòtu – s.m. teglia di forma rotonda.
rùllu – s.m. cerchio, di solito in metallo, fatto rotolare per gioco con l’aiuto di un manico.
runduniàri – v.intr. bighellonare.
ruoccìulu – s.m. straccio, strofinaccio.
ruocchjìu – s.m. gruppo.
ruotùlu – s.m. unità di misura corrispondente a circa un chilogrammo (cento ruotuli equivalgono a un cantàru).
rusicàri – v.tr. rosicchiare.
rùva – s.f. unità di misura corrispondente a circa 35 kg.
ruvàzzu – s.m. pettirosso.
ruvièttu – s.m. rovo.

 

S

 

sa – agg. dim. f. questa
sàccio – v.tr.. (da sapiri) io so, conosco (ind. pres.1° pers. sing.).
saccùni – s.m. grande sacco pieno di lana o foglie di granturco su cui poggiare il materasso.
sagnàri – v. intr. fare uscire del sangue.
salaggiòna – s.f. salagione (laboratorio in cui si effettua la conservazione del pesce azzurro mediante la salatura).
salatùru – s.m. vaso in terracotta per conservare sotto sale.
sàngu – s.m.sangue.
sanguètta – s.f. sanguisuga.
sanìzzu – agg. sano, integro.
santocchjiàru – agg. di chiesa, di santi.
sapìri – v. tr. sapere, conoscere.
sàracu – s.m. sarago (pesce).
sarbàri – v.tr. salvare, conservare.
sàrda – s.f. sarda pesce azzurro che vive in branchi molto numerosi.
sarbièttu – s.m. salvietta, tovagliolo.
sarcinèlla – s.f. fascetto di rami secchi.
sàuru – s.m. suro (pesce).
savùrra – s.f. pietra piatta usata per riempire interstizi e vuoti nei muri costruiti a blocchi di pietra.
sazìzza – s.f. salciccia, realizzata con carne della coscia anteriore e con la parte più magra della pancetta del maiale, tagliata a mano e insaccata.
sbacantàri – v.tr. svuotare.
sbampuliàri – v.tr. bruciare velocemente, consumare rapidamente, fig.sperperare velocemente il denaro.
sbandàri – v.tr. vaneggiare, dire cose senza senso
sbaravùglìu – s.m. chiasso, confusione.
sbariàri – v.intr. delirare, dire cose insensate.
sberticchiàri – v. tr. capovolgere, rovesciare.
sberticchiàtu – part.pass./agg rovesciato, capovolto.
sbertìzza – s.f. intelligenza, sveltezza.
sbìertu – agg. intelligente, svelto.
sbiertulàri – v.tr. rivoltare.
sbillicàri – v.tr. strabuzzare, sgranare.
sbillicàtu – part. pass. /agg. sgranato (occhio )
sbitriàri – v.tr. rompere frantumare.
sbitrìatu – part.pass. ridotto in frantumi.
sbolicàri – v.tr districare.
sbracàri – v.rifl. calarsi le braghe, sbracarsi.
sbrigugnàtu – agg. svergognato.                                                                                                                                                  sbrinchiare – v.intr. svincolare, sfuggire.
sbrìncu – agg. agile, veloce.
sbrittàri – v.intr. fuggire di gran carriera.
sbroduliàri – v.tr./ rifl. sbrodare, far cadere del liquido, macchiarsi.
sbrusciàri – v.tr. dissipare spec. soldi.
sbullàri – v.tr. scardinare una porta.
sbunnàri – v.tr. sfondare, sfasciare.
sbunnàtu – part.pass./agg. sfondato, rotto.
sburiari – v. rifl. divertirsi, distrarsi, uscire dalle abitudini.
sbùttari – v.tr. sfotter, prendere in giro.
sbrullàri – v.tr. levare le foglie, scorticare.
sbrullàtu – part.pass./agg. graffiato, scorticato.
scapizzàta – agg. senza cavezza.
scapuzzari – v.tr. mozzare, decapitare.
scapùzzato – part. pass./ agg decapitato.
scàrda – s.f. lisca, piccola scheggia di legno.
scarminiàri – v. tr. rovistare; strecciare spec.della lana dei materassi.
scarrozzàri – v.tr. /intr. scarrozzare, andare a spasso con un mezzo.
scartellàtu – agg. di scarsa prestanza fisica.
scatalàsciu – s.m. rumore, fracasso.
scatrejàtu – agg. stanchissimo, sfasciato.
scavùzu – agg. scalzo.
scacàri – v.intr. non fare più uova.
scaliàri – v.tr. cercare, frugare.
scalìlla – s.f. dolce natalizio di farina e miele a forma di scaletta.
scalùni – s.m. scalino, gradino.
scamacciàri – v. tr. /intr. pron. schiacciare.
scamacciatu – part. pass./agg. schiacciato.
scampàri – v. intr. spiovere.
scandrugliaprièvuti – s.m. gnocchi.
scàndula – s.f. striscia di legno posizionata sotto le tegole.
sc-canicàta – s.f. schiaffone.
sc-cantàri – v.tr. temere, aver paura.
sc-cattagnòla – s.f. frutto di fico non maturo.
sc-cattarùsu – agg. dispettoso.
sc-chètta – agg. nubile.
sc-chettàri – v. intr. scoppiare, morire, crepare.
sc-chiffàri – v.tr. schizzare.
sc-cùma – s.m. schiuma.
sc-cuppètta – s.f. fucile da caccia a una canna.
sc-cùtu – s.m. assiolo.
scentìnu – agg. sfortunato.
sciabìca – s.f. rete da pesca da circuizione.
sciabbachìellu – s.m rete da pesca da circuizione.
scialàri – v.rifl. divertirsi.
scialàta – s.f. divertimento, pic-nic di pasquetta.
sciampagnùni – sm. spendaccione.
sciancàtu – agg. zoppo.
scìfu – s.m. trogolo.
scigàri – v.tr. strappare.
scigàtu – part. pass./agg strappato.
scìlla – s.f. ala di volatile.
scillichiàri – v.intr. battere le ali. scinnàri – v.intr. /tr. scendere.
sciòlli – s.m. zona di terreno dissestato.
sciuòllu – s.m. rovina.
scippàri – v. tr.. strappare, togliere.
scippàtu – part.pass./agg tirato, strappato.
scirubbètta – s.f. granita fatta con la neve.
sciundàri (sciunnari) – v.tr. sciogliere.
sciollàri – v.tr. rompere, sfasciare.
scocciàri – v. tr./intr. pron. sgranare il granturco, i fagioli; slamarsi di pesce catturato all’amo; seccare qualcuno con l’essere invadente.
scògliari – v.tr. raccogliere anche le briciole, quanto rimane.
scòlla – s.f. cravatta.
scollicàtu – agg. non bloccato spec. di coltello la cui lama non si blocca più in posizione di apertura.
scontricàtu – part. pass./agg. piagato.
scoppulùni – s.m. scapaccione.
scorfànu – s.m. scorfano (pesce).
scorpìcchiu – s.m sottile legnetto.
scotuliàri – v.tr. scuotere, buttare via le molliche di pane dalla tovaglia.
scotuliàtu – part.pass./agg. scosso.
scrùfa – s.f scrofa, femmina di maiale.
scuòrpu – s.m. rametto, legnetto.
scuòrzu – s.m. recipiente di paglia per cereali.
scucuzzàri – v.tr. scoperchiare le estremità della zucca, tagliare i capelli molto corti.
scudillàri – v.tr. rompere la schiena.
sculluràri – v.intr. srotolarsi, alzarsi dal letto.
scumpùsu – agg. triste, ammusato.
scùnchiudari – v.tr. non concludere, dire cose sensa senso.
scunchiudènte – agg. inconcludente.
scunocchiàri – v. tr. tirare il pennacchio dalla conocchia; fig.: malmenare, ridurre in cattive condizioni.
scuoppulùni – s.m. schiaffo, manrovescio.
scupettiàri – v. tr. pulire con la scopetta o con un pennello.
scupùlu – s.m. scopa di erba senza manico.
scurciàri – v.tr. / rifl. spellare, graffiarsi.
scurciùni – s.m. graffio.
scurmàri – v. tr. scolmare, portare a misura.
scùru – agg. scuro, privo di luce.
scùsari – v.tr. scucire.
scusùtu – part.pass./agg. scucito.
scuzzettàri – v.tr. rapare.
scuzzettàtu – part.pass/agg. rapato a zero.
scuzzettùni – s.m. schiaffo sulla testa.
sderrinàtu – s.m./ agg. lombaggine; mal di ventre; eccessivamente affaticato.
sderrùotu – s.m. crepitio di pancia.
sdrivillicàri – v.tr. dibattersi per cercare di fuggire.                                                                                                                     sdruogliulu – s.m. oggetto inservibile.
sdrùsciu – s.m. rumore.
sgandrùagljiulu – s.m. piccolo oggetto inservibile o non più utilizzato.
– avv. si.
secutàri – v.tr. scacciare, mandare via.
sèggia –s.f. sedia.
seggiùni – s.m. sedia grande.
sèrra – s.f. sega.
sfriculiàri – v. tr. stuzzicare, provocare.
sgrièncu – agg magrissimo, piccolo.
sgrizzàri – v. rifl. fare la pelle d’oca.
sgruffiùni – s.m. scorpione.
sguallaràri – v. tr. allargare, sformare di indumento.
sguallaràtu – part. pass. / agg. allargato, sformato.
si – agg. dim. pl. questi. su – agg. dim. m. questo.
sìcarru – s.m. sigaro.
siccàgna – s.f. secca, arida.
sìccia – s.f. seppia.
sìdda – s.f. sete.
sièttu – s.m. fondo di un contenitore.
sigliùzzu – s.m. singhiozzo.
simàna – s.f. settimana.
simìggia – s.f. piccolo chiodo da calzolaio.
simminàri – v.tr. seminare.
simpìa – agg. sottile.
sinàli – s.m. grembiule.
sìnga – s.f. segno.
sinnàcu – s.m. sindaco.
sipàla – s.f. recinzione con paletti di legno e arbusti o canne.
sipùrcu – s.m. sepolcro.
sìta – s.f. seta.
sìvu – s.m. grasso di maiale per ingrassare cuoio e “falanghe”.
smicciàri – v. tr. sbirciare, intravedere.
smullicàri – v. tr. Sbriciolare
spachiàri – v.tr./rifl. avere fame.
spagnari – v.intr.pron. spaventarsi, aver paura.
spagnolètta – s.f. rocchetto di filo.
spagnùsu – agg.pauroso.
spàjaru – s.m. asparago.
spallèra – s.f. pianta di vite legata in verticale su paletti di legno.
spampinàri – v.intr. sbocciare.
spanticàtu – part.pass./agg. impaurito.
sparagnàri – v. tr./rifl. risparmiare, non sprecare.
spaparanzàri – v. intr./rifl. aprire, ostentare.
spaparànzatu – part. pass./agg. aperto, esposto ostentatamente.
sparatràppa – s.f. cerotto.
spàru – agg. disuguale, non piano,sconnesso.
spasuliàri – v.tr. /rifl. essere privo di tutto.
spasuliàtu –part. pas ./agg. privato del denaro, ridotto al verde.
spatùla – s.f. pesce sciabola.
spàttu – agg. sfatto, guasto.
specuràtu – agg. tranquillo, sereno.
sperghjiàri – v.intr. sparire, perdere.
sperghjiùtu – part.pass./agg. sparito, perso.
sperlònga – s.f. vassoio ovale per pietanze.
spetriàri – v.tr. frantumare, ridurre in piccoli pezzi.
spetrariatu – part.pass./agg. frantumato.
spicàri – v. tr. spigare, fare la spiga, crescere.
spicùni – s.m. angolo di una costruzione o di un fabbricato.
spièrtu – agg svelto, intelligente.
spinàru – s.m. luogo pieno di rovi, roveto.
spinèlla – s.f. spigola, branzino (pesce).
spìngula – s.f. spilla da balia.
spinnàri – v. tr. desiderare ardentemente, spec. di cacciagione: spennare.
spìnzu – s.m. fringuello.
spìssu – avv./s.m. spesso.
spitàli – s.m. ospedale.
spitazzàri – v.tr. spezzettare.
spìtu – s.m. spiedo.
spizzuliàri – v. tr. piluccare, spizzicare assaggiare.
splinnùri – s.m. splendore.
spònza – s.f. spugna; broccoletto di cavolo.
sprìjari – v.tr. soffriggere.
spruppàri – v.tr. spolpare.
sputàzza – s.f. saliva, sputo.
spundacàri – v.tr. acquistare dallo Stato, acquistare i tabacchi dal Monopolio.
spungiàri – v.tr. spuntare spec. di chiodo da una tavola.
spuntùni – s.m. sporgenza, angolo di muro.
spurcìgliu – s.m. piccolo coniglio.
sputazza – s.f.saliva
squacquaràri – v. tr./rifl. slabbrare, aprire completamente.
squacquaràtu – part.pass./agg. slabbrato, deformato, aperto.
stàccia – s.f. pietra piatta.
stàru – s.m. unità di misura dell’olio.
stàti – s.f. estate.
staziòna – s.f. stazione ferroviaria.
stennicchiàri – v.tr. distendere.
stentìno – s.m. budello per salsicce e sopressate.
stìcchiu – s.f. pube, vagina.
stipàri – v.tr. conservare, custodire.
stìpu – s.m. credenza.
stirìllu – s.m. pezzetto di legno tagliato a fuso e colpito con una “mazza” in un gioco di bambini.
stìzza – s.f. piccolissima parte di solido o liquido.
stomachiàri – v.tr./intr. pron. tomacare, disgustare, nauseare.                                                                                                      strangugliare – v.int. affogare, affogarsi.                                                                                                                          strangugliaprieviti – s.m. gnocchi.
strazzàri – v.tr. / intr. pron. strappare un indumento.
stricàri – v. tr./ intr. pron. strofinare.
strièvuzu – agg. strano, non vero.
strascinàri – v.tr./ intr. pron. trascinare.
strascinùni – avv./ loc. avv.. strasciconi, trascinandosi per terra.
strolacàri – v.tr. pensare in modo strano.
stròppa – s.f. contenitore di terracotta, piccola ciotola.
stròzza – s.f. pezzetto di pane duro o tostato.
struògliulu – s.m. cianfrusaglie.
strualìcu – part.pass./agg. ingarbugliato.
strudàri – v.trconsumare.
struòmmulu – s.m. trottola in legno con punta in metallo, fatta ruotare con l’ausilio di un “lazzu”.
struppellìzzu – s.m.. fruscio di un uccello che s’invola da un cespuglio; confusione.
strùsciu – s.m. rumore.
stujiàri – v.tr./ rifl./intr. pron. asciugare, pulire.
stuppàgliu – s.m. tappo di erba per oricolo.
stùrdari – v.tr./ intr./ rifl. stordire, tramortire.
stutacannìla – s.inv. spegnicandela est. per definire una posizione del rapporto sessuale.
stutàri – v.tr./ intr. pron. spegnere un lume, una candela, una lampada.
sùannu – s.m. sonno.
sùarta – s.f. tua sorella.
sùcu – s.m. succo, sugo per condire la pasta.
sùglìa – s.f. lesina.
sulàgnu – s.m. pianta di ulivo per impollinazione.
sùli – s.m. sole.
sùlla – s.f. sulla ( leguminosa).
sùmmu – agg./avv. in sommità, non profondo spec.: nella pesca quando si cala il parangale in superficie.
supramànu – avv. soprammano (modo di lanciare “u struommulu” posizionando la punta verso l’alto).
supressàta – s.f. salame preparato con la carne della coscia posteriore del maiale tagliata a mano e insaccata.
surchiàri – v.tr. succhiare.
surchiàtu – part.pass/agg. succhiato.
sùrcu – s.m. solco lasciato dall’aratro
surdàtu – s. m.soldato.
sùrfa – s.f. zolfo.
sùriciu 1 – s.m. topolino.
sùriciu 2 – s.m. pesce pettine.
sùsari– v.rifl. alzarsi.
susùtu – part.pass./ agg. alzato (di persona coricata).
suttamànu – avv. sottomano ( modo per lanciare “u struommulu” posizionando la punta in metallo verso il basso).
sùvaru – s.m. sughero.
suvièrchjiu – p.pres./ agg. eccedente, esorbitante.
sùzzu – s.m. prodotto simile alla coppa, ottenuto con cottura in aceto delle parti meno nobili del maiale.

 

T

 

tabbacchèra – s.f. iccolo contenitore in legno o in corno per il tabacco da fiuto.
tàccia – s.f. chiodo corto con la testa grande e arrotondata da conficcare sotto le suole degli scarponi, in funzione antiscivolo e antilogoramento.
tamàrru – s.m. buzzurro, persona rozza, zotica e ignorante.
tànnu – avv. / cong. allora.
tantìcchia – avv. un po’, “na picca”.
tàppu – s.m. pezzo di qualcosa (pane, terra ecc).
taràllu – s.m. tarallo, biscotto rotondo.
tàta – s.m padre.
tàvanu – s.m. tafano.
tavulàtu – s.m. soffitta.
tavùtu – s.m. bara.
tènnaru – agg. tenero.
tijàna – s.f. teglia.
tijèlla – s.f. teglia.
tìgna 1 – s.f. pelata.
tìgna 2 – s.f. cocciutaggine.
tignùsu – agg . pelato, puntiglioso.
tìmpa – s.f. collina, terreno scosceso.
timpagnu – s.m. fondo o coperchio della botte
timùgna – s.f. bica, insieme di covoni di grano a forma cilindricoconica, sistemati nell’aia .
tincùni – s.f. cernia bianca.
tirabusciò – s.m. cavaturaccioli.
toculiàri – v.tr. / intr. pron. muovere poco.
tòrtanu – s.m. pane a forma di ciambella.
tòtanu – s.m. totano, mollusco simile al calamaro.
trabbàcca – s.f. testata del letto.
trappìtu – s.m. frantoio, locale adibito alla produzione dell’olio di oliva.
trasìri – v. intr. entrare.
trattiègnu – s.m. il trattenere ( invio di un messaggio ad un parente tramite un bambino allo scopo di trattenere il fanciullo stesso per un po’ di tempo. (“Dammi nu pocu i trattiegnu”) .
trèmpa – s.f. pendio di una collina, dirupo.
triàtu – s.m. teatro.
tribulàri – v.intr./ intr. pron. tribolare.tridènta – s.f. tridente, attrezzo per raccogliere il fieno, la paglia ecc..
trìglia – s.m. triglia (pesce) .
trìgna – s.m. susino, albero da frutto.
trìzza – s.f. treccia di capelli o di fichi.
tròppa – s.f. cespuglio, piccola pianta spec.: di ortaggi. (pomodoro, peperone, melanzana ecc).
trùbbulu – agg. torbido.
trùgliu – agg. grassoccio, in carne.
trùnzu – s.m. gambo dei broccoli di cavolo.
truònu – s.m. tuono.
truòzzulu – s.m. tronchetto di legno.
trùscia – s.f. povertà, indigenza, ( “signu ‘ntruscia” ).
tùaccu – s.m. conta spec. gioco della conta (dalla somma proposta dal numero di dita della mano si individua il partecipante designato).
tùma – s.f. piccola forma di formaggio fresco.
tumminàta – s.f. unità di misura di superficie.
tùmminu – s.m. tomolo, unità di misura (circa 14 kg.; circa 2.260 mq.)
tuncùni – s.m. cernia nera.
tupinàru – s.m.. talpa (suriciu tupinaru).
tùppu – s.m. modo di raccogliere i capelli a crocchia.
turdùni – s.m./agg. baccello di fagiolo secco; fig. tonto, ottuso.
tùrtura – s.f. tortora.

 

U

 

u– art.il, lo.
ùgna – s.f. unghia.
umbruliàta – s.f. penombra prima del tramonto.
ùnghiu – s.m. unghia.
uòru – s.m. oro.
ùnn’è – v. intr. imp. non è.
unùri – s.m. onore.
untàri – v.tr. /rifl. ungere, bagnare nell’olio.
untàtu – part.pass./agg. ùnto.
uòcchiu – s.m. occhio.
uògliu – s.m. olio.
ùompu – s.m. bacino (osso).
uòrjiu – s.m. orzo.
urduràri – v.tr. / intr. odorare, profumare, spargere odori.
ùrmu 1 – s.m. olmo.
ùrmu 2 – loc.avv. a becco asciutto, senza bere.

 

V

 

vacabùnnu – agg. vagabondo.
vacàntu – agg. vuoto.
vacìli – s.m. bacile, contenitore per l’acqua da abluzioni.
vajàna – s.f. baccello.
vajanàru – agg. bugiardo, menzognero.                                                                                                                                            vajanelle -s.f. fagiolini.
vajìna – s.f. dolce natalizio di farina con farcitura di acciughe salate.
vallùni – s.m. gola scavata dall’acqua.
vamparìta – s,f. fiammata, falò.
vanniaziòni – s.f. pubblicazione delle nozze in chiesa.
vapùri – s.m. nave a vapore.
vàrba – s.f. barba.
varbarièllu – s.m. mento.
vàrca – s.f. barca.
varètta – s.f. barella, piedistallo per le statue dei santi.
varrìli – s.m. barile, contenitore in legno per liquidi.
vasciàri – v. tr. / intr./ rifl. abbassare.
vasinicòla – s.m. basilico.
vàttari – v.tr./ intr./ intr. pron. battere.
vattiàri – v. tr./ intr. pron.. battezzare.
vàva – s.f. bava.
vaviàri – v.intr./ rifl. sbavare, vantarsi.
vavùsu – agg. bavoso, spaccone.
vazzìu – s.m. pavimento bagnato.
ventipàrmu – s.m. telaio della porta.
ventràste – s.f. pianta aromatica.
ventumàri – v.tr./ rifl. nominare.
vermicòcca – s.f. albicocca.
verminàru – s.m. verminaio, fig. tanti.
vettàte – s.f. bastonate.
vètte – s.m. bastone.
vìdari – v. tr. vedere.
viècchiu – agg. vecchio.
vièrnu – s.m. inverno.
vièrru – s.m. maiale non castrato.
vijjùla – s.f. pianta simile al trifoglio con il fiore giallo su un gambo lungo e spesso.
vijjulàru – s.m. guanciale di maiale.
vilèstra – s.f. balestra; tentazione.
villìcu – s.m. ombelico.
vinnàri – v. tr./ rifl. vendere.
vinnùtu – part.pass./ agg. venduto.
vintùgna – avv./ agg. a venti unghie, scalzo.
virghèlla – s.f. piccolo ramo flessibile.
virghijàri – v.tr. battere con verga.
virrancùsu – agg. che cammina male.
virriòla – s.m. scacciapensieri , piccolo strumento musicale.
viscàtu – s.m. sorta di collante, ottenuto dalla bollitura del vischio e usato per catturare gli uccelli “cardilliari”.
vissìca – s.f. vescica.
vizzarrìa – s.f. bizza, capriccio.
vizzàrru – agg. bizzoso, non domato.
vo – s.m. bue.
vòmmaru – s.m. vomere per aratro.
vòpa – s.f. boga (pesce).
vòta 1 – v.tr./intr. . (da votari) volta, gira (imper.2° pers.sing.)
vòta 2 – s.f. volta.
votàri – v.tr./ intr. svoltare, girare; votare.
votatu – part. pass./agg girato; votato.
voticàri – v.tr. /intr. / intr. pron. girare, voltare.
vràca – s.f. calzoni.
vrachètta – s.f. brachette, calzoncini.
vrascèra – s.f. braciere.
vràzzu – s.m. braccio.
vrazzuòlu – s.m. bracciolo; pezzo di nailon alla cui estremità è legato l’amo.
vrigògna – s.f. vergogna.
vrinchiju – s.m. rametto flessibile di salice.
vriscignùolu – s.m. usignolo.
vrògna – s.f. muso, proboscide.
vrùchi – s.m. cespugli che crescono sulla sabbia.
vrudàta – s.f. pastone, beverone liquido per i maiali.
vrancàta – s.f. brancata, manciata.
vrùndu – agg. bianco, pulito, terso.
vruoccùlu – s.m. broccolo di rapa o di cavolo.
vruocculùtu – agg. ben sviluppato.
vruòmu – s.m. medusa.
vrusciamàru – s.m. piccolo pesce molto vòrace che mangia l’esca prima che altri riescano a raggiungerla.
vrusciàri – v.tr. bruciare, ardere.
vrusciàtu – part. pass./agg. bruciato, arso.
vùa – pron.pers. voi.
vùa – s.m. pl. buoi.
vucàta – s.f. bucato.
vùcca – s.f. bocca.
vuccàgliu – s.m. occaglio di orciolo.
vuccàlu – agg. bocca larga, tonto.
vuccancàta – agg./ loc. avv. a bocca aperta.
vuccarìellu – s.m. boccaglio.
vuccarùla – s.f. boccarola della “pidanna”; bocca di accesso di una nassa che consente l’entrata ma non l’uscita della preda.
vuccùnu – s.m. boccone.
vulèlla – s.f. farfalla, mollusco si mare.
vùllari – v.tr./ intr. bollire.
vullùtu – part.pass./agg bollito
vùllu – s.f. vasca ricavata nella terra argillosa di raccolta dell’acqua sorgiva.
vulòni – s.f. agora, aguglia.
vumbùni – s.m. bozzo, ematoma.
vùmmula – s.f. orciolo, contenitore in terracotta.
vummulèlla – s.f. orciolo con due manici.
vuòcula – s.f. altalena.
vuòmmicu – s.m. vomito.
vuòschu – s.m. bosco.
vuòzzu – s.m. bozzo.
vurbìnu – s.m. vivaio.
vùrza – s.f. borsa di stoffa tenuta nascosta sotto i vestiti.
vurzùtu – agg. ricco.
vùtamu – s.m. pianta selvatica le cui foglie, opportunamente lavorate, si utilizzano per legare le viti, i pomodori ecc..
vutàri – v.tr. votare.
vùtta – s.f. botte.
vùtu – s.m. voto, promessa fatta ad una divinità.

 

Z

 

zagarèlla – s.f. oggettino.
zallarùsu – agg. sporco, lacero.
zàncu – s.m. fango.
zàppa – s.f. zappa.
zappùni – s.m. zappa pesante.
zappùlla – s.f. zappa leggera con una parte più stretta.
zèrti – agg./ agg./ pron.indef. certi, alcuni.
zezzamìlu – s.m. geco.
zifùni – s.m. tifone
zillicàri – v.tr./ rifl. solleticare.
zimbullàri – v. tr. /intr. pron. spingere fino a far cadere
zìmmaru – s.m. montone (anche zimbaru).
zìmpa – s.f. stalla di maiali.
zimpuniari – v.tr. calpestare.
zimpuniàto – part. pass./ agg. calpestato.
zinnàri – v.intr. fare l’occhiolino.
zinzuliàri – v.tr./ intr. pron. sparpagliare, strapazzare.
zìnzulu – s.m. straccio.
zìrru 1 – s.m. recipiente per olio.
zìrru 2 – s.m. tombarello.
zìta / u– s.f./ s. m. sposa, sposo.
zìta / u – agg. fidanzata, fidanzato.
zubbìbbu – s.m. zibbibbo.
zumpafuòssu – agg. saltafosso spec.di calzoni (né lunghi né corti).
zumpàri – v.tr./ intr. saltare.
zumpettiàri – v.tr. saltellar
zuòccula – s.f. zoccolo in legno.
– s.f. zuppiera.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente automaticamente all’uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close