“A parma”

"A parma" per la Domenica delle Palme

Fino a qualche decennio fa era inconcepibile una Domenica delle Palme senza che ai figlioletti e ai nipoti non fosse regalata una “parma” da portare in chiesa carica di dolciumi, caramelle e piccole uova di Pasqua.
Le più semplici, nel primo dopoguerra, erano costituite da semplici rami d’ulivo, altre di canna, solo qualcuna di foglie di palma abilmente intrecciate.
Negli ultimi tempi sopravvivono solo quelle di palma, preparate dalle abili mani dei pochi cultori di questa tradizione in via di estinzione.
Le foto testimoniano la perizia, la cura e l’amore necessari per la preparazione di questo simbolo tradizionale.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente automaticamente all’uso dei cookie. Per saperne di più consulta la nostra Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close